Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Le associazioni umanitarie si schierano contro la sindaca di Calais

Con una delibera il governo locale aveva deciso di vietare i raduni per la fornitura dei viveri ai rifugiati

Di TPI
Pubblicato il 3 Mar. 2017 alle 13:34 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 00:31
0
Immagine di copertina

Le associazioni umanitarie hanno espresso sdegno per la decisione del sindaco di Calais, Natacha Bouchart, che ha firmato un divieto di radunarsi che potrebbe impedire la distribuzione dei pasti a migranti e rifugiati.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Con un decreto pubblicato giovedì 2 marzo il governo locale ha dichiarato di temere che gli assembramenti in quella che veniva chiamata la “giunga” del campo migranti possano portare a un aumento delle tensioni etniche tra i gruppi rivali.

Il divieto non impedisce la distribuzione di cibo, ma sottolinea che è necessario “vietare tutti i raduni”. Secondo quanto scritto nel decreto, questi assembramenti avverrebbero dopo la distribuzione dei pasti ai migranti.

Alcuni gruppi per i diritti umanitari hanno criticato la decisione. “Si parla di persone giovani e bambini, non puoi privarli del cibo”, ha detto Gael Manzi, che lavora per l’associazione locale Utopia 56. Manzi ha dichiarato che Utopia 56 continuerà a distribuire i pasti, ma in un altro luogo di Calais.  

Due associazioni locali hanno minacciato di ricorrere a vie legali per contrastare la direttiva del sindaco. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.