Me

Venezuela, braccio destro di Guaidò prelevato con una gru e arrestato

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 9 Mag. 2019 alle 07:58 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:22
Immagine di copertina
Credit: ANSA

Arrestato vice Guaido – Il leader dell’opposizione del Venezuela Juan Guaidò tramite Twitter ha denunciato l’arresto da parte del Servizio bolivariano di intelligence (Sebin) del vicepresidente dell’Assemblea nazionale (An).

“Allertiamo il popolo del Venezuela e la comunità internazionale che il regime ha sequestrato Edgar Zambrano”, ha scritto sui social Guaiò.

A dare per primo la notizia era stato il deputato Oscar Rondero, dirigente del partito Acción Democrática, che ha raccontato che Zambrano si è rifiutato di scendere dalla sua auto una volta raggiunto dalla polizia. Gli agenti per tutta risposta avrebbero usato un autogru per portalo via e condurlo al carcere di El Helicoide.

Zambrano è uno dei deputati a cui nei giorni scorsi è stata revocata l’immunità dall’Assemblea nazionale costituente (Anc) per aver partecipato al tentativo di golpe del 30 aprile.

Di recente la Corte Suprema venezuelana ha anche deciso di rimandare a giudizio altri 3 parlamentari dell’opposizione per il loro coinvolgimento nel sollevamento militare del mese scorso e finito con un nulla di fatto.

I militari infatti non hanno risposto all’appello del leader dell’opposizione di ribellarsi contro il governo del presidente Maduro e in suo sostegno, né ci sono stati manifestazioni particolarmente significative della popolazione.

Nonostante ciò, i giudici hanno accusato di alto tradimento e cospirazione Freddy Superlano, Sergio Vergarae Juan Andres Mejia, a cui è stata anche revocata l’immunità parlamentare da parte dell’Assemblea costituente.

La notizia dell’arresto è stata commentata dall’Ambasciata Virtuale degli Stati Uniti a Caracas che ha minacciato “conseguenze” se le autorità venezuelane non libereranno Edgar Zambrano. Il servizio diplomatico tramite Twitter ha denunciato l’arresto “illegittimo e inescusabile”.

Guaidò invece ha accusato il governo di Maduro di voler disintegrare l’organismo legislativo.

Venezuela, Guaidò: “Mattarella ci aiuti”

Intanto l’8 maggio era arrivata la notizia che l’ambasciata italiana a Caracas aveva accolto la deputata venezuelana Mariela Magallanes, anche lei accusata dalla Corte Suprema. La donna è sposata con un cittadino italiano e al momento è in corso il procedimento per il riconoscimento della cittadinanza italiana.

La Farnesina, nel rendere nota la notizia, ha anche precisato che si impegna a garantire a Magallanes ogni possibile tutela in conformità con le convenzioni diplomatiche