Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Argentina boom di domande per la prima emissione di bond da 15 anni

Immagine di copertina

Si tratta della prima asta pubblica dal default del 2001. Il presidente Macri apre nuovamente l’Argentina ai mercati finanziari e promette di rimborsare i Tango Bond

È stato un successo il ritorno dell’Argentina sui mercati finanziari internazionali. Buenos Aires ha ricevuto un boom di offerte, pari a quasi 70 miliardi di dollari, per l’emissione da 16,5 miliardi di dollari lanciata dopo 15 anni di stop, cinque in più di quelli inizialmente previsti.

Gli interessi sulle emissioni, che hanno scadenze a 3, 5, 10 e 30 anni, saranno compresi tra il 6,25 per cento e l’8 per cento. A garanzia dell’operazione sono intervenute le principali banche mondiali come Deutsche Bank, Hsbc, JP Morgan, Santander, Bbva, Citigroup e Ubs.

Con i soldi incassati, il governo argentino rimborserà i cosiddetti Tango Bond, cioè i titoli di Stato mai pagati dopo il default del paese nel 2001 e chiudere così la disputa con i creditori, inclusi 50mila italiani. L’Argentina ha promesso che i rimborsi ai creditori italiani arriveranno “entro giugno”, per un totale di 1,35 miliardi di dollari.

Il presidente Mauricio Macri, neoliberale eletto a dicembre grazie ai suoi appelli alla trasparenza e all’efficienza dopo i 12 anni di governo della sinistra peronista dei coniugi Kirchner, spera così nel breve periodo di avere il denaro per attuare le riforme annunciate in campagna elettorale.

Queste prevedono interventi impopolari come la svalutazione della moneta, la liberalizzazione dei tassi di cambio, del commercio e delle tariffe energetiche, l’aumento dei tassi di interesse e il licenziamento di migliaia di lavoratori del settore pubblico, i cui effetti dovranno inevitabilmente essere attutiti con un aumento della spesa pubblica, finanziata appunto con i titoli di stato.

Martedì 19 aprile centinaia di manifestanti hanno protestato di fronte al ministero del Lavoro di Buenos Aires contro l’inflazione a due cifre, la disoccupazione e i licenziamenti di massa.

Tuttavia l’accordo per il rimborso dei Tango bond si annuncia costoso finanziariamente e politicamente. L’opposizione peronista lo accusa di cedere al ricatto dei creditori internazionali e paragona le sue politiche neoliberiste a quelle di Carlos Menem, che sfociarono nel default argentino.

Inoltre, nonostante il successo della prima asta di titoli pubblici, la congiuntura economica dell’Argentina non resta delle migliori. Macri ha ereditato dal precedente governo un deficit al 7 per cento, riserve di valuta straniera ai minimi e un’inflazione al 30 per cento. Il prezzo della soia, il principale bene di esportazione è crollato, mentre il Brasile, terzo partner commerciale, è in recessione.

 — LEGGI ANCHE: L’AMERICA LATINA STA TORNANDO DI CENTRO-DESTRA 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”