Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Arabia Saudita taglia gli stipendi dei propri ministri

Immagine di copertina

A causa del basso prezzo del greggio il regno arabo sta tagliando la sua enorme e sconsiderata spesa pubblica e cercando di diversificare l'economia

L’Arabia Saudita taglierà i salari dei ministri del 20 per cento e ridurrà le gratifiche degli impiegati nel settore pubblico. Si tratta di una delle misure più drastiche mai approvate dal regno petrolifero in un momento in cui il basso prezzo del greggio contrae le sue entrate.

Le misure sono state annunciate oggi per decreto reale e costituiscono i primi tagli agli stipendi degli impiegati governativi, che costituiscono i due terzi della forza lavoro saudita.

Il calo del prezzo del greggio da metà 2014 ha spinto i paesi del Golfo, che sulle rendite petrolifere fanno affidamento, a riconsiderare l’eccessiva e sconsiderata spesa pubblica, basti pensare che lo scorso anno il deficit saudita ammontava a quasi 100 miliardi di dollari.

Oltre i tagli agli stipendi e ai benefit, verranno ridotte del 15 per cento anche le diarie per il trasporto e l’alloggio dei membri della Shura, il consiglio di nomina.

Inoltre, gli straordinari sono stati tagliati del 25-50 per cento e le ferie annuali sono state ridotte a 30 giorni.

L’unica eccezione è rappresentata dalle truppe che combattono lungo il confine meridionale e all’estero nella campagna della coalizione guidata dall’Arabia Saudita contro i ribelli sciiti Houthi in Yemen.

Quest’anno l’Arabia Saudita ha presentato un piano di riforma per diversificare la proprio economia e limitare la dipendenza dalle rendite petrolifere.

La cosiddetta Vision 2030 punta a incoraggiare il settore privato, creare posti di lavoro e ampliare le entrate da settori diversi da quello energetico.

I tagli annunciati oggi saranno applicati dal primo ottobre.

A dicembre dello scorso anno erano stati tagliati i sussidi sull’acqua e sull’energia elettrica e il mese scorso il governo ha approvato una proposta per alzare una serie di imposte tra cui visti e multe.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Esteri / Guerra in Ucraina. Nato: Stoltenberg, avviata ratifica adesione Svezia-Finlandia
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”