Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Arabia Saudita lancia il primo progetto per il reattore nucleare

Immagine di copertina
Mohammed Bin Salman

Il principe ereditario vuole puntare su energie rinnovabili, energia atomica, dissalazione dell'acqua, medicina genetica e industria per diversificare l'economia saudita

Il principe ereditario dell’Arabia Saudita ha lanciato un importante progetto per costruire il primo reattore per la ricerca nucleare nel regno, secondo quanto riportato dall’agenzia stampa saudita.

S&D

Mohammed Bin Salman ha lanciato sette progetti strategici che puntano su energie rinnovabili, energia atomica, dissalazione dell’acqua, medicina genetica e industria durante la visita alla Città del re Abdulaziz per la scienza e la tecnologia, il 6 novembre 2018.

I due progetti più significativi comprendono la costruzione di un reattore per la ricerca nucleare e un centro per lo sviluppo di strutture aeronautiche.

A marzo, il principe aveva già annunciato l’intenzione di sviluppare armi nucleari nel caso in cui l’Iran avesse continuato su quella stessa strada.

“L’Iran sta sviluppando una bomba nucleare, senza alcun dubbio”, aveva detto in un’intervista all’emittente televisiva statunitense il principe.

L’anno scorso, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno avanzato delle proposte per la costruzione di due reattori nucleari: l’obiettivo è diversificare l’approvvigionamento energetico del paese.

Il principe ha intenzione di costruire un reattore da 17,6 gigawatt (GW) entro il 2032, secondo quanto riferito dal King Abdullah City for Atomic and Renewable Energy Center (KA-CARE).

Nel 2015, l’obiettivo è stato spostato al 2040 e il KA-CARE ha annunciato diverse proposte per la costruzione di un reattore da 2,9 GWe di capacità nucleare presentate da Corea del Sud, Cina, Russia e Giappone.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, l’Arabia Saudita mira a ridurre la quantità di petrolio grezzo che produce ogni anno e diversificare la propria economia e le fonti energetiche.

Se il regno procedesse effettivamente con il piano, sarebbe il secondo Stato del Golfo a lanciare un progetto di energia nucleare dopo gli Emirati Arabi Uniti, impegnati nella costruzione di sei reattori nucleari in Corea del Sud.

Il nucleare iraniano – Il principe Salman ha giustificato il progetto di costruzione dei reattori nucleari come risposta alla minaccia dell’Iran, accusato in primis dagli Stati Uniti di aver violato i termini dell’accorso siglato nel 2015.

L’intesa raggiunta dall’allora Amministrazione Obama è stata fortemente criticata da Israele e Arabia Saudita, i primi a sostenere la decisione di Trump di abbandonare l’accordo e ripristinare le sanzioni contro Teheran.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini