Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una app di incontri ha svelato i trucchi per la foto-profilo perfetta

Immagine di copertina

La app Hinge ha diffuso alcuni dati di uno studio sui propri utenti per capire quali fossero le strategie per scegliere le foto migliori e avere più successo

Se al giorno d’oggi le app di incontri sentimentali online sono sempre più diffuse, specialmente tra i giovani, chiunque abbia avuto occasione di usarne una sa che la propria immagine è fondamentale.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se infatti, in applicazioni come Tinder e affini, può capitare che un potenziale partner “scelga” qualcuno in una frazione di secondo dopo aver avuto modo di guardare una sola foto della persona in questione, è inevitabile che quella foto sia decisiva.

È anche vero però che, come aveva dimostrato uno studio solo poche settimane fa, siamo i meno adatti a giudicare un’immagine di noi stessi, visto che, secondo la ricerca, esisteva un notevole divario tra le foto preferite da alcuni estranei e dai protagonisti delle immagini.

Per ovviare a questo problema, il 20 aprile la app di incontri Hinge ha diffuso alcuni dati estrapolati da uno studio sui propri utenti per capire nel dettaglio quali fossero le strategie per scegliere le foto migliori e avere più successo su questo genere di piattaforme.

I risultati, presentati in una serie di immagini, suggeriscono per esempio che per le donne è consigliabile sorridere mostrando i denti, mentre gli uomini dovrebbero sorridere a bocca chiusa. Allo stesso modo, alle donne Hinge suggerisce di guardare in una direzione che non sia verso la fotocamera, mentre gli uomini farebbero bene a guardare dritto allo “spettatore”. La regola di evitare selfie allo specchio del bagno vale per tutti, così come quella di lasciare da parte i filtri di Snapchat, gli occhiali da sole e, soprattutto, evitare la presenza di un possibile partner accanto a sé nella propria immagine-profilo.

Al di là del genere di appartenenza, sono molto apprezzate invece le foto che vedono gli utenti impegnati in uno sport, oppure durante una serata di divertimento, così come le foto in bianco e nero.

Nella gallery, tutti gli altri dati con la percentuale di aumento del proprio successo a seconda della foto scelta.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda