Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Vuole fare l’amore 12 volte al giorno: la moglie chiede il divorzio

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 13 Gen. 2019 alle 13:09 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 11:07
0
Immagine di copertina

Troppe volte al giorno: erano esagerate le richieste di rapporti sessuali del marito alla moglie. Per 12 volte al dì la donna subiva violenze.

I fatti – Un marito decisamente esigente ha portato la moglie a presentare una formale richiesta di divorzio al tribunale di Khartoum, in Sudan. La motivazione è in realtà più curiosa del fatto in se per se: il suo lui praticamente è instancabile sotto le lenzuola. “Sono costretta a fare l’amore 12 volte al giorno, tutti i giorni. Io così non vivo più”.

Erezione e violenza – A quel punto il giudice gli ha chiesto se facesse uso di Viagra o altre sostanze simili, ma lui ha risposto di no. E ha spiegato che segue un’alimentazione a base di “Millet” (in arabo “Dakhan”) il nome africano è Manna (graan) e una specie di frumento diffuso solo in Asia e in Africa, solitamente si usa per fare pane, oppure cotto con il riso. A quel punto il giudice ha deciso di risolvere in modo amichevole il problema tra la coppia («che comunque si ama»). E così ha fatto da pacere tra i due invitando il marito a un numero di rapporti normali e ha chiesto alla moglie di utilizzare meno “Millet” (frumento) in cucina.

La denuncia sul giornale – Il sito di un giornale locale (Alnilin) ha spiegato che la donna nella sua denuncia ha scritto che le richieste del marito non gli permettono più «di accudire i miei figli e la casa. Non riesco ad uscire e fare una vita normale, nemmeno per visitare i miei genitori». Il giudice a quel punto ha convocato il marito per ascoltarlo sui fatti, e lui ha confermato tutto: «È legittimo fare l’amore con la propria moglie, non posso mica andare con altre donne».

Leggi anche: “Fare sesso con la stessa persona tutta la vita e non annoiarsi”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.