Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Myanmar libera quasi 7.000 prigionieri

Immagine di copertina

Il governo birmano ha scarcerato miglia di detenuti, ma non è chiaro se tra questi ci siano anche prigionieri politici

Il governo birmano ha concesso la grazia e liberato quasi settemila prigionieri, a pochi mesi dalle elezioni generali, che si terranno a novembre.

Tra i 6.966 detenuti liberati ci sono anche 210 stranieri, di cui 150 cinesi accusati di disboscamento e commercio illegale di legname che saranno deportati in Cina. Non è chiaro se siano stati scagionati anche prigionieri politici birmani.

Secondo quanto riporta The Wall Street Journal, sono stati liberati anche nove ex funzionari dell’intelligence militare. 

Il presidente birmano Thein Sein ha già concesso diverse amnistie in passato. Sein è al potere dal marzo del 2011 e – secondo quanto riferiscono fonti ufficiali vicine al governo – potrebbe candidarsi per una seconda volta. Nel novembre del 2010 in Myanmar si tennero le prime elezioni nazionali, dopo 20 anni d’indiscusso regime, e un governo civile sostituì la giunta militare che controllava il Paese dal 1962. 

Appena eletto, Sein annunciò di voler liberare oltre seimila prigionieri politici e la maggior parte è già stata scarcerata. Secondo l’associazione no-profit Aapp (Assistance Association for Political Prisoners) in Myanmar ci sono ancora 169 prigionieri politici in carcere e 446 attivisti in attesa di processo.

Leggi anche:

– La capitale deserta del Myanmair 

– Chi combatte in Myanmair, e perché 

– Aung San Suu Kyi, il Nobel incandidabile 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri