Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Per la rappresentante permanente degli Stati Uniti all’Onu, Assad è un ostacolo alla pace in Siria

Immagine di copertina

La diplomatica ha riferito al Consiglio delle relazioni estere dell'Onu sul conflitto che dura dal 2011

La rappresentante permanente degli Stati Uniti all’Onu Nikki Haley il 29 marzo 2017 ha definito Bashar al-Assad “un ostacolo ai progressi per il raggiungimento della fine del conflitto in Siria”. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il conflitto va avanti nel paese dal 2011 e il regime non ha in questi anni messo in campo azioni efficaci per il raggiungimento di una soluzione. La rappresentante di Washington ha aggiunto: “Non tornerò sull’opportunità che Assad sia o no al potere, sull’opportunità di alcune sue operazioni”.

Haley ha riferito al Consiglio delle relazioni estere delle Nazioni Unite che anche il ruolo dell’Iran non è un aiuto al verificarsi delle condizioni per far cessare la guerra. “È una di quelle situazioni in cui Stati Uniti e Russia potrebbero parlare e dire OK, come possiamo trovare una soluzione migliore. Ma la questione Assad sarà sempre lì”, ha precisato.

I colloqui di pace sul conflitto siriano si tengono a Ginevra e la partecipazione degli Stati Uniti è stata fortemente voluta dal mediatore Staffan de Mistura. “Quando hai un leader che si spinge fino all’utilizzo delle armi chimiche sulla sua gente, viene da chiedersi se può essere qualcuno con cui è possibile collaborare”, ha continuato Nikki Haley.

L’ambasciatrice statunitense presso le Nazioni Unite è convinta che la stabilità della Siria sia necessaria per il raggiungimento della stabilità della regione.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita
Esteri / La tragedia dei “niños robados”: così 300mila bambini sono stati sottratti alle loro madri durante il franchismo
Esteri / Washington: un fulmine cade vicino alla Casa Bianca e uccide tre persone | VIDEO
Esteri / “Ecco perché stiamo facendo il gioco di Putin”: il politologo Santangelo a TPI
Esteri / Il grande risiko dello zar nei Balcani: così Putin sfida la Nato al di là dell’Adriatico
Esteri / Piogge torrenziali in Giappone: esondazioni e dispersi. Evacuate 540mila persone
Esteri / Brittney Griner condannata per droga, Lavrov: “Mosca disponibile a scambio di detenuti con Washington”