Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ritorna in Italia Alvin, il bambino portato via dalla madre che combatteva con l’Isis

Immagine di copertina
Alvin Berisha e suo padre Credit: video Le Iene

Il piccolo Alvin torna in Italia: è stato liberato dal campo dell’Isis in Siria

È stato liberato il piccolo Alvin Berisha, il bambino albanese di 11 anni – nato in Italia, residente a Barzago, in provincia di Lecco – che fu rapito in Italia 5 anni fa dalla madre combattente Isis e rimasto orfano dopo che è morta in un campo profughi tra i più affollati e a rischio della Siria.

Alvin è stato portato via dal campo di Al Hol, al confine tra Siria e Libano, giovedì 7 novembre grazie al corridoio umanitario portato avanti da Croce Rossa con Mezzaluna Rossa (l’omologo arabo) e ad un’operazione di cooperazione internazionale con la regia della direzione della polizia, diretta dal prefetto Vittorio Rizzi, con il Ros e la partecipazione delle autorità albanesi.

Nelle prossime ore il ragazzino si imbarcherà sul volo che da Beirut, Libano, lo porterà a Roma. Un’azione senza precedenti , perché mai era stato liberato da un campo profughi siriani un bambino, dall’inizio della guerra, che è il frutto di una sinergia messa a segno dallo Scip del Viminale (Servizio di Cooperazione internazionale di polizia), d’intesa con la Farnesina e la Presidenza del Consiglio.

Il ragazzo ha anche riabbracciato il padre Afrim, che non ha mai perso le speranze. “Sono 5 anni che guardo queste foto”, ha raccontato il padre al giornalista Luigi Pelazza de Le Iene che si è occupato del caso.

È così che si è messo in moto tutto: il programma Mediaset si è recato in Siria a verificare la situazione. È lì che si è venuto a sapere che Alvin era rimasto solo: la madre è stata uccisa in un bombardamento. Lui si è salvato, ma ora zoppica a causa delle ferite riportate dopo l’esplosione.

Ora si dovrà capire se Alvin può tornare a vivere con il padre o no. La situazione non è semplice, ma l’importante adesso è che il bambino sia libero.

Leggi anche:

L’Isis ha un nuovo leader, ma rischia di spaccarsi e non è una buona notizia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)