Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:37
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Almeno 30 civili sono morti in seguito ai bombardamenti a nordest di Damasco

Immagine di copertina

L'aeronatica siriana ha colpito Jayrud in rappresaglia per l'esecuzione di un pilota catturato da al-Nusra

Intensi raid aerei siriani hanno ucciso almeno trenta civili in un sobborgo a nordest di Damasco sabato 2 luglio 2016, una rappresaglia per l’esecuzione di un pilota dell’aeronautica siriana che si era paracadutato venerdì dopo che il suo aereo era stato abbattuto.

Secondo le fonti che hanno riportato la notizia, i bombardamenti hanno colpito un centro medico, una scuola e un’area residenziale nella cittadina di Jayrud, un’area densamente popolata che aveva concluso una tregua locale con l’esercito consentendogli di essere risparmiata dai bombardamenti che hanno colpito altre zone in mano di ribelli. Era infatti diventata un porto franco per migliaia di civili in fuga dai pesanti combattimenti vicini.

Secondo quanto riferito da Jaish al-Islam, il pilota sarebbe stato ucciso da un miliziano del Fronte al-Nusra mentre era detenuto in un centro di comando condiviso dai due gruppi. L’esercito aveva in precedenza avvertito che avrebbe risposto con la forza se il pilota catturato fosse stato giustiziato.

Nel frattempo, l’aeronautica siriana e russa ha intensificato i bombardamenti su alcune zone strategiche in mano ai ribelli nella città di Aleppo. Se Damasco dovesse riuscire a tagliare l’unica via di accesso all’area di Malah, le oltre 400mila persone residenti nel quartiere si troverebbero sotto assedio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri