Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Almeno 49 morti per le forti piogge in Nepal

Immagine di copertina

L'eccezionale quantità di pioggia caduta sul paese negli ultimi giorni ha colpito soprattutto le pianure meridionali e coinvolto anche una famiglia di turisti italiani

Le piogge torrenziali che hanno colpito il Nepal negli ultimi tre giorni hanno causato frane e inondazioni, uccidendo almeno 49 persone e ferendone 17.

A riferirlo è stata l’agenzia di stampa Reuters che cita fonti del governo locale di Kathmandu. Il bilancio delle vittime potrebbe salire nelle prossime ore perché almeno 40 persone risultano ancora disperse.

Inoltre, anche una famiglia di turisti italiani è rimasta bloccata in hotel a seguito alle inondazioni. Tra i connazionali in pericolo c’è anche Francesca Immacolata Chaouqui, imputata nel processo Vatileaks 2.

Il ministero degli Esteri ha immediatamente attivato l’unità di crisi e insieme al consolato italiano in loco e alle autorità locali è impegnato a soccorrere gli italiani coinvolti nel disastro naturale che ha già causato ingenti danni e diverse vittime.

“La pioggia ha colpito principalmente le pianure meridionali del paese e causato l’evacuazione di oltre 5mila persone”, ha dichiarato un funzionario del ministero dell’Interno di Kathmandu.

L’esercito e la polizia continuano le operazioni di ricerca e salvataggio in tutto il paese, dove oltre 34mila case sono state distrutte.

“Il numero di morti potrebbe aumentare, stiamo ancora compilando il bilancio finale”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters, Laxmi Pun, assistente del ministro dell’Interno Janardan Sharma.

La Croce Rossa prevede che almeno 100mila persone siano state colpite dal disastro. Un altro funzionario del governo nepalese sostiene che la pioggia ha tagliato le comunicazioni e interrotto l’elettricità in diverse zone del paese, complicando così i soccorsi e impedendo al governo di fornire cibo, acqua e altri beni di prima necessità agli sfollati.

Le piogge monsoniche che iniziano a giugno e continuano fino a settembre sono importanti per l’agricoltura del Nepal come di tutta l’Asia meridionale, ma ogni anno causano anche ingenti danni e centinaia di vittime in un’area del mondo in cui sono presenti milioni di poveri e le infrastrutture non sono adeguate a difendere la popolazione dai disastri ambientali.

In Nepal, dall’inizio dell’anno, il monsone ha già ucciso almeno 90 persone, nel 2016 le vittime furono invece oltre un centinaio.

https://www.tpi.it/esteri/india-20140327260/morti-piogge-gujarat/

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"