Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Algeria, volontario scambiato per piromane linciato e trucidato in pubblico dalla folla

Immagine di copertina

Algeria, volontario scambiato per piromane linciato e trucidato in pubblico dalla folla

Djamel Bensmail è il volontario di 36 anni scambiato per un piromane e massacrato dalla folla a Larbaa Nath Irathen, in Algeria, nella regione di Cabilia, devastata dagli incendi da tre settimane. Djamil ha cercato invano di far ragionare la massa di 62 persone che hanno eseguito il suo linciaggio, mentre una folla di persone riprendevano la scena. “Sono venuto qui per aiutarvi”, ha detto prima di essere uscito, ma inutilmente.

Djamil era un volontario: quattro giorni prima di essere ucciso aveva spiegato le ragioni della sua presenza nell’epicentro del disastro ai microfoni dell’emittente online Aures Tv: “Sono venuto qui ieri notte, non ho dormito, per aiutare i miei fratelli Cabili che mi hanno dato una lezione di solidarietà e generosità. In questa regione non c’è elettricità, né acqua, né gas, né pane”, aveva detto.

Eppure qualcuno lo ha scambiato per il responsabile di quegli incendi. Djamil si trovava già a bordo di una camionetta delle forze dell’ordine, che lo stava conducendo in commissariato per accertamenti, quando la folla di persone lo ha estratto dal furgone e condotto nel cortile della centrale di polizia, trucidato a coltellate e a mani nude. In quel momento nessuno, nemmeno gli agenti, ha fatto nulla per proteggerlo.

Il corpo è stato trascinato nella piazza centrale della cittadina, bruciato e decapitato.  Djamil faceva il pittore e il musicista e militava nel movimento “Hirak”, nato un paio d’anni fa, le cui manifestazioni hanno contribuito alla caduta del presidente Abdelaziz Bouteflika, nel febbraio 2019. Le proteste sono riprese nei mesi scorsi, con le richieste di un cambio di sistema del potere. Proprio il suo impegno politico ha alimentato qualche sospetto sulle vere ragioni per le quali la polizia avesse fermato il ragazzo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice