Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il presidente egiziano al-Sisi ha concesso la grazia a 502 prigionieri politici

Immagine di copertina
Il presidente egiziano al-Sisi ha preso il potere con un colpo di stato nel 2013

Venerdì 23 giugno, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha liberato 502 prigionieri politici in occasione della festività islamica di Eid al-Fitr, che il 25 giugno chiuderà il mese sacro del Ramadan. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando fonti del ministero dell’interno egiziano.

Non è stato pubblicato alcun elenco di nomi ma, secondo l’agenzia di stampa MENA, i prigionieri rilasciati dovrebbero includere 25 donne e un gran numero di giovani incarcerati durante le proteste contro il regime, iniziate nel 2013.

Una fonte del ministero dell’interno egiziano ha riferito all’agenzia Reuters che tra i graziati figura anche Hesham Talaat Moustafa, ex presidente di una dei più grandi gruppi immobiliari egiziani. Moustafa era stato condannato a 15 anni di carcere per aver ingaggiato un killer che avrebbe dovuto uccidere la pop star libanese Suzanne Tamim nel 2008. Secondo la fonte citata da Reuters, l’uomo sarebbe stato graziato a causa delle sue condizioni di salute.

Dal colpo di stato del 2013 che ha abbattuto il governo appoggiato dai Fratelli Musulmani e presieduto da Mohammed Morsi, il regime di al-Sisi ha incarcerato migliaia di persone, tra cui molti attivisti che avevano preso parte alla primavera egiziana. Nel paese esiste infatti una legge che richiede l’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno per ogni incontro pubblico a cui sono presenti più di 10 persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Esteri / Gaza, il principe William: “Troppi morti, basta guerra”
Esteri / Usa all'Aia: "L'attacco del 7 ottobre dimostra esigenze di sicurezza di Israele". Knesset vota contro creazione "unilaterale" Stato palestinese
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa