Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il presidente Al Sisi ha detto che il caso Regeni ha danneggiato l’Egitto

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / POOL / CHARLES PLATIAU

“Desideriamo scoprire i colpevoli di questo caso e stiamo agendo in maniera molto trasparente, con le autorità e i procuratori italiani" ha detto il presidente egiziano

“La portata delle relazioni economiche, culturali e umane fra l’Egitto e l’Italia è fra le migliori e tali relazioni state fortemente colpite da questo dossier”, ha detto il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi in una conferenza stampa a Sharm el Sheikh, riferendosi al caso Regeni, il giovane ricercatore trovato morto al Cairo nel febbraio del 2016.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Al Sisi ha poi spiegato che le autorità in Egitto ritengono che “sia stato un tentativo, durante la visita di uomini d’affari italiani che erano pronti a compiere investimenti, di distruggere tale iniziativa”.

“Il caso di Regeni ha posto fine a questo progetto e noi siamo stati i più colpiti”, ha insistito il presidente.

Nel parlare di “relazioni uniche con l’Italia”, Al Sisi ha detto che “non potremo mai dimenticare che l’Italia ha appoggiato l’Egitto nella rivoluzione di giugno”.

Il riferimento è alla rivolta popolar-militare che nel 2013 portò alla caduta del presidente islamista Mohamed Morsi. “Il primo invito a visitare un paese europeo fu avanzato dal premier Renzi”, ha ricordato ancora Al Sisi. “Per questo consideriamo quello di Regeni un dossier significativo”, ha aggiunto il presidente egiziano.

“Il caso Regeni è fondamentale per l’Egitto. Siamo ansiosi di consegnare alla giustizia i responsabili di questo crimini”, ha detto il presidente affermando di volere “risolvere questa vicenda il più presto possibile”.

“Desideriamo scoprire i colpevoli di questo caso e stiamo agendo in maniera molto trasparente, con le autorità e i procuratori italiani. Speriamo di poter avere una risposta appena possibile”, ha concluso Al Sisi.

Il caso Regeni, specialmente nei primi mesi che sono seguiti alla morte del giovane ricercatore, ha creato forti tensioni tra Roma e il Cairo. Dopo la scarsa collaborazione all’inchiesta delle autorità egiziane, l’Italia ha richiamato il suo ex ambasciatore in Egitto, Maurizio Massari. Solo nell’agosto scorso, il governo italiano ha deciso di inviare al Cairo il nuovo capo della rappresentanza diplomatica, l’ambasciatore Giampaolo Cantini.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Ti potrebbe interessare
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”
Esteri / Al via l’incontro tra Biden e Putin. Il presidente Usa: “Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia”
Esteri / Usa, lite per la mascherina: cliente spara e uccide la cassiera di un supermercato
Esteri / Il nuovo Governo di Israele bombarda la Striscia di Gaza dopo il lancio di palloni incendiari
Esteri / La Nato per contare ancora ha bisogno di un nemico: Biden ne ha trovato uno (di G. Gramaglia)
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi