Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il governo siriano permette l’ingresso di aiuti umanitari a Madaya

Immagine di copertina

Entro l'11 gennaio arriveranno i sussidi internazionali per gli abitanti che stanno morendo di fame nelle città assediate dal regime in Siria

Entro l’11 gennaio 2016 dovrebbero iniziare ad arrivare gli aiuti umanitari – tra cui cibo, forniture mediche e coperte – in tre città della Siria, dove gli abitanti vivono in condizioni precarie e rischiano di morire di fame.

È quanto ha dichiarato un funzionario della Croce Rossa. L’ultima ondata di sussidi nelle città di Fua e Kefraya – nel nordovest del paese – e a Madaya e Zabadani, a sudovest, era arrivata a ottobre del 2015.

I quattro centri abitati vivono sotto il costante assedio da parte delle truppe del presidente Bashar al-Assad dal luglio 2015.

Ora, in seguito alle recenti denunce da parte della stampa internazionale, il regime siriano di Bashar al-Assad ha permesso che vengano consegnati aiuti umanitari in queste città.

(Qui sotto: le città sotto assedio in Siria dove la popolazione muore di fame. Credit: Bbc) 


Sono almeno 300 i bambini vittima di malnutrizione solamente a Madaya, città che si trova sulle montagne a 25 chilometri dalla capitale Damasco, secondo quanto dichiarato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani.

A Madaya un chilo di riso può arrivare a costare fino a 230 euro. In questa città, come avevamo già riportatosono almeno 23 le vittime provocate dalla mancanza di cibo.


Inoltre, complessivamente, 4,5 milioni di persone in Siria vivono in luoghi che sono difficili da raggiungere, tra cui 400mila siriani che non hanno accesso ad aiuti in grado di salvare la loro vita.

Staffan de Mistura, inviato delle Nazioni Unite in Siria, ha intenzione di far ripartire quanto prima i colloqui di pace a Ginevra per porre fine alla guerra civile che va avanti da cinque anni e che finora ha provocato la morte di oltre 250mila persone.

VIDEO (Credit: Bbc) 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"