Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Non lasciamo che Afrin diventi un’altra Kobane

Immagine di copertina
Membri delle Unità di protezione popolare (YPG) contro l'operazione militare della Turchia. Credit: Afp/ Delil Souleiman

L'appello di intellettuali e attivisti per non lasciare soli i curdi siriani, minacciati dalla Turchia

All’indomani dell’annuncio da parte di Erdogan di avviare un’operazione militare contro i curdi in Siria, nella regione di Afrin, alcuni intellettuali e attivisti tra cui Noam Chomsky, Michael Hardt e Debbi Bookchin hanno scritto un appello agli Stati Uniti e alla comunità internazionale per non lasciare soli i curdi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’appello

“Noi, accademici e attivisti dei diritti umani firmatari insistiamo affinchè i presidenti della Russia, dell’Iran e degli Stati Uniti assicurino che la sovranità dei confini siriani non sia violata dalla Turchia e che al popolo di Afrin in Siria, sia permesso di vivere in pace.

Afrin, la cui popolazione è a maggioranza curda, è una delle regioni più stabili e sicure della Siria. Con pochissimi aiuti umanitari Afrin ha accolto così tanti rifugiati siriani da raddoppiare la sua popolazioni sino ad un totale di 400.000 abitanti.

Leggi anche: Kobane è libera

Afrin è ora circondata da nemici: i gruppi jihadisti supportati dalla Turchia, Al-Qaeda e la Turchia.

Leggi anche: La Turchia ha lanciato un’operazione militare contro i curdi in Siria

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha minacciato di attaccare le unità militari supportate da Stati Uniti – le Unità di Difesa del Popolo o Ypg, con le quali gli Stati Uniti si sono alleati contro l’Isis.

La Turchia accusa le Ypg di essere terroriste, nonostante abbiano contribuito all’organizzazione di consigli e governi locali che abbiano preso piede in ognuna delle città che sono state liberate e nonostante le ripetute dichiarazioni del non aver nessun interesse nei confronti di uno scontro contro la Turchia ma di voler funzionare solo come una forza di difesa per i curdi siriani e le altre etnie che vivono nella Federazione Democratica della Siria del Nord, anche conosciuta come Rojava, che include Afrin.

La Turchia ha adesso mobilitato un’enorme forza militare sul confine di Afrin promettendo di attaccare il cantone sotto il controllo curdo con la forza annichilendo un’area pacifica e mettendo migliaia di civili e rifugiati a rischio, per perseguire la sua vendetta contro i curdi.

Un attacco di questo tipo contro i cittadini pacifici di Afrin è un atto eclatante di aggressione contro una regione governata in modo pacifico e democratico. La Turchia non può portare avanti questi attacchi senza l’approvazione della Russia dell’Iran e della Siria, e con l’inazione degli Stati Uniti nel bloccarli.

Il popolo curdo ha sopportato la perdita di migliaia di giovani donne e uomini che si sono uniti alle YPJ e alle YPG per liberare il mondo dall’Isis. Gli Stati Uniti e la comunità internazionale hanno l’obbligo morale di supportare, ora, il popolo curdo.

Richiamiamo gli Stati Uniti e la comunità internazionale a garantire la stabilità e la sicurezza ad Afrin e prevenire ulteriori aggressioni turche dalla vicina Siria e lungo il confine siriano.

I firmatari

Noam Chomsky, MIT Professor Emeritus

Michael Walzer, Institute for Advanced Study, Princeton University, Professor Emeritus

Charlotte Bunch, Distinguished Professor of Women’s and Gender Studies, Rutgers University

Todd Gitlin, sociologist and Chair, PhD Program in Communications, Columbia University

David Graeber, Professor of Anthropology, London School of Economics

Nadje Al-Ali, Professor of Gender Studies, SOAS University of London

David Harvey, Distinguished Professor of Anthropology and Geography, CUNY Graduate Center

Michael Hardt, political philosopher and Professor of Literature, Duke University

Marina Sitrin, Assistant Professor of Sociology, SUNY Binghamton

Ann Snitow, activist and Associate Professor, New School

Bill Fletcher, Jr., former President of TransAfrica Forum

David L. Phillips, Director, Program on Peace-building and Rights, Columbia University

Joey Lawrence, photographer and filmmaker

Meredith Tax, writer and organizer, North America Rojava Alliance (NARA)

Debbie Bookchin, journalist and author, NARA”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post