Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli Usa già dialogano con i talebani: incontro segreto fra il direttore della Cia e il leader Baradar

Immagine di copertina
Il direttore della Cia, William Burns, e il leader talebano Abdul Ghani Baradar

Il direttore della Cia, William Burns, ha incontrato segretamente a Kabul il leader dei talebani, Abdul Ghani Baradar. I due si sono visti ieri, lunedì 23 agosto 2021, mentre nella capitale dell’Afghanistan gli Stati Unit stanno gestendo le complesse operazioni di evacuazione dal Paese, tornato da nove giorni sotto il controllo del gruppo fondamentalista islamico. A rivelare l’incontro è il quotidiano statunitense Washington Post, che cita come fonte un ufficiale statunitense sentito in via anonima.

La Cia, l’agenzia di intelligence degli Usa, non ha commentato l’indiscrezione. Nel faccia a faccia Burns e Baradar hanno presumibilmente discusso della data di ritiro definitivo delle truppe occidentali dall’Afghanistan.

In base all’accordo raggiunto fra Stati Uniti e talebani, la smobilitazione dovrebbe concludersi entro il 31 agosto, ma sono ancora decine di migliaia gli afghani e gli stranieri da portare oltre confine. Le cancellerie europee – in particolare Londra, Parigi e Berlino – sono in pressing sul presidente americano, Joe Biden, per un rinvio della scadenza, ma i talebani hanno avvertito che, in tal caso, ci saranno conseguenze.

Baradar, cofondatore dei talebani, è considerato il nuovo presidente de facto dell’Afghanistan, dopo che il gruppo fondamentalista islamico ha ripreso il controllo del Paese, lo scorso 15 agosto.

Era il braccio destro del Mullah Omar, lo storico capo del movimento morto nel 2013 per tubercolosi. Nel 2010 era stato catturato in Pakistan in un’operazione congiunta fra l’Isi, il servizio segreto pakistano, e la Cia, ma nell’ottobre 2018 gli Stati Uniti guidati dal presidente Donald Trump lo hanno rimesso in libertà affidandogli il compito di mediare l’accordo con i talebani per l’uscita di scena degli Usa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”