Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I talebani: “Abbiamo vinto noi la guerra in Afghanistan, l’America ha perso”

Immagine di copertina

Dopo l'annuncio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden del ritiro di tutte le truppe americane dall'Afghanistan entro settembre 2021, arriva la risposta dei talebani

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che tutte le truppe statunitensi lasceranno l’Afghanistan entro l’11 settembre 2021, per quello che sarà il 20esimo anniversario dell’attacco all’America condotto da al Qaida nel 2001. Un annuncio che è stato accompagnato dalla preoccupazione di far precipitare il Paese devastato dalla guerra in una nuova guerra civile.

“Abbiamo vinto la guerra”

La risposta dei talebani non ha tardato ad arrivare. Il sindaco ombra del distretto di Blakh, Haji Hekmat, ha detto in un’intervista alla Bbc: “Abbiamo vinto la guerra e l’America ha perso”. Nell’ultimo anno c’è stata un’apparente contraddizione nella “jihad” dei talebani. Hanno fermato gli attacchi alle forze internazionali dopo la firma di un accordo con gli Stati Uniti, ma hanno continuato a combattere con il governo afghano. Haji Hekmat, tuttavia, ha insistito sul fatto che non ci sono contraddizioni. “Vogliamo un governo islamico governato dalla Sharia. Continueremo il nostro jihad fino a quando non accetteranno le nostre richieste”, ha spiegato.

Il commento dei talebani al ritiro Usa

Poi, in una dichiarazione rilasciata sui social, i Talebani hanno affermato che il gruppo ha mantenuto l’accordo di Doha, ma la dichiarazione di Biden è una violazione, che “in linea di principio apre la strada al Mujahideen dell’Emirato Islamico per prendere tutte le contromisure necessarie, quindi la parte americana sarà ritenuta responsabile di tutte le conseguenze future, e non l’Emirato Islamico”, si legge in un tweet.

“L’Emirato islamico non farà mai affidamento sulla completa indipendenza e l’istituzione di un sistema islamico puro e rimane impegnato a trovare una soluzione pacifica al problema afghano dopo la fine completa e certa dell’occupazione”, viene affermato.

La visita di Blinken

Intanto, il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato a Kabul e ha incontrato il presidente Ghani e Abdullah Abdullah, il presidente dell’Alto Consiglio per la riconciliazione nazionale e ha discusso le nuove relazioni con gli Stati Uniti dopo l’annuncio del presidente Joe Biden mercoledì.

“Il ritiro delle nostre truppe dall’Afghanistan non significherà l’indebolimento delle relazioni strategiche tra i due paesi”, ha affermato Blinken. “Gli Stati Uniti – ha continuato – onoreranno i propri impegni nei confronti del governo e del popolo afghano”.

Il Segretario di Stato ha poi sottolineato che gli Stati Uniti continueranno la loro assistenza diplomatica e umanitaria all’Afghanistan e alle forze afghane per facilitare il processo di pace. Precedentemente, Blinken era volato a Bruxelles per discutere del ritiro delle truppe dall’Afghanistan con gli alleati. Con questo ritiro comincia sicuramente un nuovo capitolo anche nelle relazioni della NATO.

Leggi anche: Erdogan il “dittatore” e il rapporto coi libici: ‘prima vi salvo da Haftar, ora ricostruisco la Libia’

Ti potrebbe interessare
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano