Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Afghanistan firma un accordo di pace con il macellaio di Kabul

Immagine di copertina

Gulbuddin Hekmatyar, leader del partito militante islamista Hezb-i-Islami, ha anche ottenuto l'amnistia per i suoi crimini passati

Le autorità afghane hanno siglato un accordo controverso con il partito militante islamista Hezb-i-Islami, guidato da Gulbuddin Hekmatyar, noto anche come il “macellaio di Kabul”, al quale è stata garantita l’amnistia.

I fautori dell’accordo ritengono che si tratti di un passo importante verso la pace che potrebbe incoraggiare altri gruppi militanti a seguire la stessa strada della riconciliazione, ma i critici discutono l’opportunità di aprire le porte dell’arena politica a una figura come Hekmatyar e di lanciare quello che appare, sostanzialmente, come un messaggio di impunità per i crimini passati.

Il signore della guerra afghano è infatti accusato di aver ucciso o ferito migliaia di persone quando i suoi miliziani hanno aperto il fuoco contro i civili nella capitale afghana, di aver ordinato l’assassinio di intellettuali e oppositori politici e di aver ispirato attacchi di diversa natura.

Hekmatyar negli anni Ottanta aveva anche ricevuto il supporto di Stati Uniti, Pakistan e Arabia Saudita per combattere le forze sovietiche che occupavano l’Afghanistan.

Quando la campagna guidata dagli Stati Uniti rovesciò il regime dei Taliban nel 2001, Hekmatyar che nel frattempo aveva rotto con i suoi sostenitori internazionali proprio per via della sua ideologia estremista, venne inserito nella lista dei terroristi e sopravvisse a malapena al raid di un drone americano.

Tuttavia, oggi gli Stati Uniti appoggiano l’accordo tra il governo afghano e Hezb-i-Islami nella speranza che aiuti a mettere fine alla cronica violenza in cui versa il paese.

Il governo di Kabul quindi, oltre a perdonare i crimini del macellaio di Kabul, rilascerà alcuni dei prigionieri del gruppo e chiederà la rimozione delle sanzioni internazionali contro lo stesso Hekmatyar.

Molti attivisti sono scesi in piazza a Kabul in protesta, e sostengono che aprire a figure come quella del signore della guerra islamista non farà che indebolire un governo già estremamente fragile.

Ma Hekmatyar non è il primo di loro a essere riabilitato: Rashid Dostum e Mohammad Mohaqiq sono stati inclusi nel governo nonostante le accuse di abusi dei diritti umani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Ti potrebbe interessare
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”