Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Strage in Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Nella giornata di ieri, sabato 8 maggio, due bombe sono state fatte esplodere davanti a una scuola femminile a Kabul, in Afghanistan, causando la morte di almeno 50 persone, e oltre 100 feriti. Si tratta del più sanguinoso attacco in Afghanistan in oltre un anno.

L’esplosione è avvenuta nel distretto di Dasht-e-Barchi, abitato principalmente dalla minoranza sciita hazara, a ovest della capitale afghana, mentre i residenti stavano facendo acquisti per l’avvicinarsi della festa musulmana di Eid al-Fitr che segna la fine del mese di digiuno del Ramadan, prevista per la prossima settimana. La scuola era un liceo frequentato da ragazzi e ragazze, che studiano in tre diverse fasce orarie, la seconda delle quali era quella delle ragazze.

“La natura di una delle esplosioni era un’esplosione di un’autobomba. Altre due esplosioni sono state causate da ordigni esplosivi improvvisati posizionati nella stessa posizione”, ha detto ai giornalisti il portavoce della polizia di Kabul Ferdaus Faramarz. L’attacco è avvenuto quando gli studenti stavano lasciando l’edificio. La maggior parte delle vittime erano studenti, mentre anche molti passanti sono stati colpiti. Nessun gruppo ha ancora rivendicato l’attacco. Il gruppo militante talebano ha negato il coinvolgimento dei propri ribelli nell’incidente e ha accusato i militanti dello Stato Islamico (IS) dell’attacco mortale. Il presidente afghano Mohammad Ashraf Ghani ha condannato fermamente l’attacco e ha incaricato i funzionari sanitari di fornire le migliori cure mediche possibili ai feriti.

Le esplosioni di sabato sono avvenute mentre l’esercito degli Stati Uniti prosegue nel ritiro delle ultime 2.500 truppe dal Paese devastato dalla violenza, nonostante i vacillanti sforzi di pace tra i talebani e il governo afghano per porre fine a una guerra lunga decenni. I parenti delle vittime hanno iniziato a seppellire i morti in un sito in cima a una collina noto come il “cimitero dei martiri”, dove riposano le vittime degli attacchi contro la comunità hazara. Gli hazara sono musulmani sciiti e considerati eretici dagli estremisti sunniti. I musulmani sunniti costituiscono la maggioranza della popolazione afghana.

Leggi anche: “Io, afghano della minoranza hazara, nel mio paese non meritavo neanche di vivere, oggi faccio l’attore”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti