Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Afghanistan: chi è Baradar, il nuovo leader dei talebani

Immagine di copertina

Afghanistan: chi è Baradar, il nuovo leader dei talebani

Sono ore di grandi stravolgimenti in Afghanistan, dopo la vittoria militare dei talebani che hanno preso il potere nel Paese. A guidare il ritorno della teocrazia e dell’Emirato islamico, nuovamente proclamato dopo vent’anni, dovrebbe essere Abdul Ghani Baradar. L’uomo era stato rilasciato tre anni fa da un carcere pakistano su espressa richiesta degli Stati Uniti, che nel 2010 l’avevano fatto catturare a Karachi. Baradar, considerato il leader politico dei talebani, ha firmato gli accordi di Doha con gli Usa nel febbraio 2020, che sancivano il ritiro delle truppe americane dal Paese in cambio di garanzie di sicurezza da parte dei militanti.

Baradar è l’uomo incontrato dall’ex segretario di Stato Mike Pompeo e che adesso dovrebbe guidare la transizione dell’Afghanistan, mentre il Paese è piombato nel caos. L’aeroporto di Kabul è stato preso in assalto dai civili in fuga, con addirittura alcune persone che si sono aggrappate disperatamente agli aerei pur di sfuggire ai talebani, come testimoniano dei video raccapriccianti che hanno fatto il giro del mondo.

Liberato per negoziare la transizione con l’ormai ex governo di Ashraf Ghani, Baradar è riuscito di fatto a congelare i colloqui di pace a Doha fino al giorno del vittorioso ritorno in armi a Kabul degli “studenti coranici” e adesso è pronto a coglierne i frutti. Il suo ritorno in patria, dopo un ventennio d’esilio, gli restituisce un ruolo di guida sul campo, dopo essere stato il capo politico nelle trattative con le grandi potenze internazionali. Diventa così il candidato più papabile come presidente del nuovo governo ad interim afghano.

Abdul Ghani Baradar – scrive il Corriere della Sera – nasce nella provincia di Uruzgan nel 1968, combatte contro i sovietici negli anni ’90 e, con la cacciata dei russi nel 1992 e la successiva guerra civile, finisce per creare una madrasa (ovvero una scuola in cui si impartivano insegnamenti di religione e diritto islamici) con il suo ex comandante e presunto cognato Mohammad Omar fondando poi il movimento dei talebani che si poneva l’obiettivo di “purificare” il Paese e creare un Emirato. Con l’appoggio dei servizi segreti pachistani, Omar e Baradar nel 1996, spiazzando tutti, riescono a prendere il potere e collezionano una serie di vittorie militari del tutto inaspettate. Quella di Baradar, allora come oggi, è una figura chiave. Nei cinque anni di regime talebano, l’attuale capo politico dei talebani ha avuto ruoli militari e amministrativi mentre, quando l’Emirato è caduto, è diventato viceministro della Difesa.

Anche nei 20 anni di esilio, il 53enne ha mantenuto la leadership del movimento: in Pakistan diventa leader del governo in esilio dei talebani. A fermare la sua inarrestabile avanzata, però, ci pensa la presidenza americana di Barack Obama che, all’epoca dei fatti, spinse Islamabad ad arrestarlo. Con l’arrivo di Donald Trump tutto cambia: l’inviato di Trump, Zalmay Khalilzad, chiede al Pakistan di liberarlo così da consentirgli di procedere coi negoziati in Qatar. E Baradar viene rilasciato. Nel febbraio 2020 gli accordi di Doha e poi l’incontro con Pompeo. Ora un’altra pagina di storia, ancora in gran parte tutta da scrivere, con la vittoria militare dei talebani in Afghanistan.

Leggi anche: 1. Siamo andati lì a fare la guerra per liberarli e ora li lasciamo lì fuggendo a gambe levate (di L. Telese) / 2. “Spariremo dalla storia, a nessuno importa di noi”: il video in lacrime di una ragazza afghana

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”