Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Conta fino a 10, ho un regalo per te”, poi accoltella la moglie al collo dopo essere stato a letto con lei

Immagine di copertina
Laura e Shaun May (Credit: Facebook)

La donna è sopravvissuta e ha raccontato tutto in Tribunale

Accoltella la moglie dopo aver fatto sesso con lei

La scena è macabra. Non è soltanto il racconto di un uomo che accoltella la moglie. Ma è la storia di un uomo che accoltella la moglie subito dopo aver fatto sesso con lei. Ma c’è di più: come se non bastasse, l’ha bendata e presa in giro poco prima di piantarle un coltello al collo. “Ho un regalo per te. Conta fino a 10”, le ha detto. Una storia raccapricciante che arriva da Tunbridge Wells, in Inghilterra.

A riferire come sono andati i fatti è stata proprio la vittima Laura May, che è riuscita a sopravvivere all’attacco del marito, Shaun May. La donna ha raccontato in tribunale, momento per momento, tutto quello che è successo in quella camera da letto. Il marito è stato condannato, con il verdetto unanime della giuria, per tentato omicidio.

Quando Laura è riuscita a rialzarsi dal letto e a rimuovere il coltello dal corpo, si è tolta la benda e ha visto il marito, in piedi davanti a lei, con un paio di coltelli in mano che minacciava di togliersi la vita. Laura, disperata, per quei 14 mesi di matrimonio che si chiudevano in modo così tragico, gli ha chiesto perché, perché lo aveva fatto.

Shaun ha confessato, allora, che l’ha accoltellata dopo averla bendata perché il giorno precedente aveva perso il lavoro per irregolarità finanziarie ed era preoccupato perché non sapeva come avrebbero potuto pagare il mutuo di lì in poi. Quindi aveva deciso di ucciderla e di togliersi la vita subito dopo.

In tribunale, però, durante il processo, Shaun May ha negato l’intenzione di ucciderla, confessando di volerle causare piuttosto dei gravi danni fisici. Sebbene il coltello non avesse raggiunto organi o vasi sanguigni vitali, la lama era vicina sia all’arteria carotidea che alla vena giugulare. La giuria, quindi, non gli ha creduto e ha dato fiducia alla donna, condannandolo.

“Ci amavamo davvero”

Laura e Shaun, come racconta il quotidiano inglese The Mirror, stavano insieme da sei anni ed erano sposati da 14 mesi al momento del tentato omicidio avvenuto nella loro casa di Station Road, a Tunbridge Wells, nel Kent, il 9 ottobre dell’anno scorso. La vittima ha raccontato alla Corte che avevano un buon rapporto e discutevano raramente. “Litigavamo giusto per chi doveva fare la lavatrice”, ha detto.

Solo cinque giorni prima erano tornati dalla Corea del Sud dove avevano partecipato al matrimonio del fratello di Laura.

“Ci amavamo davvero”, ha aggiunto la donna, sconvolta. Prima di ammettere: “Quell’attacco col coltello è stato totalmente inaspettato e uno shock completo”.

Qui tutte le notizie di Tpi dal Regno Unito
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco