Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

21 bambini portano in tribunale il governo Usa per il cambiamento climatico e Trump vuole bloccarli

Immagine di copertina

Da una parte alcuni ragazzini tra i 9 e i 20 anni, dall'altra Trump e l'industria dei combustibili fossili. Al centro, una causa sul cambiamento climatico

Di fronte ai tribunali statunitensi si sta svolgendo una disputa destinata a fare la storia. Da una parte alcuni americani di età compresa tra i 9 e i 20 anni. Dall’altra il presidente Usa Donald Trump e l’industria dei combustibili fossili.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Oggetto del contendere è una causa lanciata dal gruppo di bambini e ragazzi contro il governo federale e le compagnie energetiche, che non sono in grado di far fronte in modo adeguato al riscaldamento globale.

I giovani e giovanissimi ricorrenti, membri dell’organizzazione Our Children’s Trust, sostengono infatti che questo fallimento violi il loro “diritto a un sistema climatico in grado di sostenere la vita umana”. 

Il presidente Trump, insediatosi il 20 gennaio 2017, ha presentato il 7 marzo una mozione per ricorrere in appello contro la precedente sentenza (nota come Juliana v. United States) emessa a novembre 2016 dal giudice distrettuale Ann Aiken, la quale ha riconosciuto al gruppo il diritto di agire in via giudiziaria. La mozione è sostenuta anche dalle compagnie energetiche statunitensi.

Non è prassi comune per il governo statunitense ricorrere in appello contro una corte di grado superiore prima che la corte di primo grado si sia espressa nel merito del caso, soprattutto considerato che il caso approderà nell’aula giudiziaria nel corso del 2017.

Ma è pur vero che questo ricorso è il primo del suo genere. I ragazzi, sostenuti dall’avvocato Julia Olson, hanno fatto causa al governo federale nella corte distrettuale dell’Oregon nel 2015.

Levi Draheim è la ricorrente più giovane, ha 9 anni e vive sulla costa della Florida, uno degli stati americani più a rischio in caso di innalzamento del livello degli oceani. 

Sul sito del gruppo si legge che anche il famoso scienziato James E. Hansen partecipa all’azione legale come “guardiano delle future generazioni e di sua nipote”.

Nel ricorso si legge che, attraverso le sue decisioni e azioni sul cambiamento climatico, il governo ha violato i diritti costituzionali delle generazioni più giovani alla vita, alla libertà, e alla proprietà, così come non è riuscito a tutelare le essenziali risorse pubbliche.

L’8 aprile 2016, il giudice statunitense Thomas Coffin ha respinto per primo le mozioni del governo e delle aziende produttrici di combustibili fossili. Durante la revisione della sua decisione, il giudice Aiken ha emesso il 10 novembre 2016 la sentenza con cui confermava la decisione.

Donald Trump ha sempre avuto una posizione molto critica sul cambiamento climatico. Ha definito il riscaldamento globale una bufala e ha annunciato l’intenzione di ritirarsi dall’accordo sul clima di Parigi. 

Scott Pruitt, responsabile dell’Agenzia per la protezione dell’Ambiente (Epa) nominato da Trump, nega che l’attività umana sia causa del riscaldamento globale.

Qui sotto il tweet con cui l’associazione Our Children’s Trust annuncia il ricorso delle aziende energetiche insieme all’amministrazione Trump:

— LEGGI ANCHE: Cosa cambierà per il clima con Trump presidente

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"