Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Nel 2030 il caldo impedirà di lavorare a milioni di persone

Immagine di copertina

Secondo recenti studi, il costante aumento delle temperature avrà un impatto fortissimo sulle economie basate sui lavori manuali che prevedono l'esposizione al sole

A causa del riscaldamento globale e dei cambiamenti
climatici in corso nel pianeta, esiste il rischio concreto che nel 2030 per
molte persone non sia più possibile lavorare, producendo un danno all’economia
globale di 2 bilioni di dollari.

Stando a recenti ricerche, infatti, l’aumento costante delle
temperature renderà più difficile per i lavoratori svolgere il proprio lavoro,
in particolare nelle economie più povere del mondo, dove la maggior parte delle
professioni ruota intorno al lavoro manuale all’aperto, come nell’edilizia, l’allevamento
e l’agricoltura.

Secondo il team di ricercatori neozelandesi guidati da Tord
Kjellstrom dell’Health and Environment International Trust, che hanno fatto
delle previsioni economiche basandosi sull’andamento dei cambiamenti climatici
già in atto, India e Cina rischiano di perdere un totale di 450 miliardi di
dollari entro il 2030, e i paesi in via di sviluppo come Ghana e Nigeria,
situati nelle regioni più calde del pianeta, rischiano perdite altissime in
proporzione al loro PIL.

Nel sudest asiatico, si perde il 15-20 per cento
delle ore di lavoro annuali nei lavori esposti al calore, e la cifra
potrebbe raddoppiare entro il 2050, se il surriscaldamento globale continuerà. L’aumento
delle temperature, anche se dovesse venire combattuto con un aumento del numero
impianti di aria condizionata, produrrebbe comunque l’effetto di far salire
notevolmente i costi dei consumi di corrente.

Le zone urbane sono già molto più calde rispetto alle zone
rurali, con una variazione di 1-3 gradi centigradi a seconda dell’area
geografica, a causa del fatto che edifici, strade e marciapiedi sono poco
riflettenti e intrappolano il calore in misura maggiore rispetto alle piante,
senza disperderlo.

Qui un grafico realizzato dalla testata statunitense Quartz a partire dallo studio neozelandese per illustrare quali sono i paesi considerati più a rischio a livello di perdite economiche dovute al surriscaldamento globale:

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, attacco contro un bus: almeno otto feriti
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gerusalemme, attacco contro un bus: almeno otto feriti
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana