Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nel 2016 in Cina sono nati circa 18 milioni di bambini

Immagine di copertina

Preoccupata dall'invecchiamento della popolazione, Pechino ha cestinato la politica del figlio unico e vuole crescere a ritmi sostenuti

Nel corso del 2016 in Cina sono nati circa 18 milioni di bambini, grazie alla decisione di mettere fine alla politica del figlio unico, mandata definitivamente in pensione nel 2015.

Pechino ha deciso di concedere alle coppie due figli a causa delle crescenti preoccupazione per il progressivo invecchiamento della popolazione e spera che il tasso di nascite per il periodo 2016-2020 resti tra i 17 e i 20 milioni l’anno, nonostante il numero di donne in età fertile sia in declino.

La Cina si sta preparando a raggiungere una popolazione di 1,42 miliardi di persone entro la fine del decennio.

Numeri contrastanti

Le statistiche fornite dalla Commissione nazionale per la salute e la pianificazione familiare ha registrato 17,86 milioni di nascite, un incremento dell’11,5 per cento dal 2015. Oltre il 45 per cento dei bambini nati nel 2016 hanno già almeno un fratello o una sorella più grande.

L’Istituto nazionale di statistica ha invece contato 18,46 milioni di nascite. La discrepanza è dovuta alle differenti metodologie di calcolo impiegate, ma entrambi i numeri segnalano una crescita importante.

La politica del figlio unico

Le autorità cinesi introdussero nel 1979 la cosiddetta politica del figlio unico, per rallentare la crescita della popolazione, nonostante le nascite fossero già in declino dopo il boom degli anni Cinquanta e Sessanta.

Le coppie che mettevano al mondo più di un figlio dovevano pagare una sorta di tassa, ma non solo.

Dopo la nascita del primo figlie le donne subivo un intervento chirurgico per l’installazione di un anticoncezionale intrauterino, mentre dopo il secondo figlio potevano essere costrette alla sterilizzazione tramite la chiusura delle tube.

Chi si rifiutava di sottoporsi a tali pratiche poteva subire ritorsioni, perdere il lavoro o l’assistenza dello stato per i propri figli. Non erano insoliti neanche gli aborti coatti.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce