Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il kamikaze riluttante – Mosul: Cronache dal fronte

Immagine di copertina

Il diario di Amedeo Ricucci su TPI, che racconta l’offensiva per cacciare l’Isis da Mosul e Raqqa

Mi piace pensare che Abdul, quel giorno, abbia lanciato a tutta velocità la sua auto-bomba sul checkpoint iracheno di Qayyara per disperazione e non perché fosse un esaltato. Sua madre, Ragiha, ne è sicura. Negli ultimi mesi, mi dice, era profondamente depresso: “tornava a casa e se ne stava stravaccato per ore sul divano, senza rivolgere la parola a nessuno”.

“Si capiva che non voleva più fare quella vita”, aggiunge Yayha, suo padre, che pure se l’era ripreso in casa, nonostante la vergogna provata quando aveva scoperto che il suo figlio più piccolo, di soli 17 anni, si era arruolato nell’Isis.

Sfogliamo assieme l’album con le foto di Abdul e vedo un ragazzo come tanti, vestito con cura e con un bel sorriso. Chissà se ce l’aveva anche quel giorno quando i soldati iracheni l’hanno crivellato di colpi, un attimo prima che si facesse esplodere. “Quando è successo?”, chiedo.

La mamma se lo ricorda bene perché era il terzo giorno delle celebrazioni per l’Aid, la festa del sacrificio. A tarda sera ha sentito una macchina che parcheggiava davanti casa e due barbuti hanno bussato alla sua porta, per annunciarle che suo figlio era diventato un martire. Le hanno consegnato una sorta di certificato e 400 dollari per fargli il funerale. “Avrei voluto rifiutarli – aggiunge – ma ci servivano”.

Sono ormai più di cento i kamikaze utilizzati dall’Isis per frenare l’offensiva su Mosul. Non penso che siano in Paradiso, come declama la propaganda jihadista. Però mi piace pensare che Abdul stia ora in un posto dove poter sorridere come una volta, libero finalmente da quel macigno che i suoi reclutatori gli avevano piazzato sul cuore.

— LEGGI ANCHE: Pace & guerra – Mosul: cronache dal fronte

— LEGGI ANCHE: Linee di guerra – Mosul: cronache dal fronte

— LEGGI ANCHE: La strategia del topo – Mosul: cronache dal fronte

— LEGGI ANCHE: La barba di Marwan – Mosul: cronache dal fronte

— LEGGI ANCHE: Mosul: cronache dal fronte

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone