Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

100mila persone rischiano di morire di fame in Sud Sudan, la prima carestia nel mondo in sei anni

Immagine di copertina

Il rischio è che la calamità, causata da guerra civile e crisi economica, possa colpire fino a un milione di persone

In due regioni del Sud Sudan è stato dichiarato lo stato di carestia dal governo e dalle Nazioni Unite. Oltre centomila persone rischiano di morire di fame e si teme che la calamità possa colpire fino a un milione di persone.

“Le nostre peggiori previsioni si stanno avverando”, ha dichiarato Serge Tissot, capo della squadra dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) in Sud Sudan.

Quello dichiarato oggi nel Sud Sudan è il primo caso di carestia degli ultimi sei anni nel mondo. In passato c’erano stati degli avvertimenti riguardanti Yemen, Somalia e il nord est della Nigeria, ma il Sud Sudan è la prima nazione a dichiarare la calamità.

La carestia, come spiegato dal governo e dalle Nazioni Unite, sarebbe la conseguenza della lunga guerra civile e della crisi economica che ha devastato il paese est africano.

Cinque milioni e mezzo di persone – più o meno il 50 per cento della popolazione – potrebbero essere colpite dall’insicurezza alimentare e rischiare quindi di morire.

Oltre 250mila bambini sono gravemente malnutriti e hanno bisogno di aiuti alimentari, come sostenuto da Jeremy Hopkins, capo dell’Unicef nel Sud Sudan. Il paese era già stato colpito da una carestia nel 1998, causando la morte di almeno 70mila persone. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**




Ti potrebbe interessare
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”
Esteri / Alessandra Mussolini: “Aggredita da uno sconosciuto a Strasburgo. Mi ha picchiata”. Il video-denuncia
Esteri / Cessate il fuoco, Hamas e Israele frenano sull’accordo. Biennale, migliaia di artisti chiedono l’esclusione dello Stato ebraico
Ti potrebbe interessare
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”
Esteri / Alessandra Mussolini: “Aggredita da uno sconosciuto a Strasburgo. Mi ha picchiata”. Il video-denuncia
Esteri / Cessate il fuoco, Hamas e Israele frenano sull’accordo. Biennale, migliaia di artisti chiedono l’esclusione dello Stato ebraico
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”