Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Almeno 100 persone risultano disperse per il naufragio di un gommone avvenuto il 3 novembre nel Mediterraneo

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / Alessio Paduano

Secondo i dati della procura di Salerno sono 26 le persone decedute nel naufragio, tutte donne e 100 i dispersi

Secondo la procura di Salerno sono circa 100 i migranti dispersi in mare dopo il naufragio di un gommone al largo delle coste libiche avvenuto lo scorso 3 novembre.

L’imbarcazione era stata soccorsa dalla nave spagnola Esps Cantabria, impegnata nella missione Sophia della marina militare dell’Unione europea ”Eunavfor Med”, sotto il coordinamento della guardia costiera italiana.

Sempre secondo i dati della procura sono 26 le persone decedute nel naufragio, tutte donne.

Le salme delle giovani erano state recuperate della nave Cantabria e condotte nel porto della città campana il 5 novembre.

L’intervento della nave spagnola ha comunque permesso di trarre in salvo 64 migranti, tra i quali 6 bambini e 2 donne in stato di gravidanza. A bordo del gommone, secondo le testimonianze rese da alcuni dei sopravvissuti, vi erano circa 150 persone e il recupero di soli 64 migranti vivi consente di affermare che quelli caduti in mare fossero circa un centinaio.

A Salerno erano giunti 401 migranti, tutti soccorsi e recuperati in 4 distinti interventi di “search and rescue” effettuati a largo delle coste libiche il 3 novembre scorso.

La notizia giunge a pochi giorni dalle polemiche scoppiate per le rivelazioni di alcune ong impegnate nelle operazioni di salvataggio di migranti nel Mediterraneo, che accusano la Guardia costiera libica di azioni violente contro i migranti.

Gennaro Giudetti l’ha visto con i suoi occhi e l’ha raccontato a TPI.

Era a bordo della nave dell’ong Sea Watch il 6 novembre, quando un gommone pieno di migranti è naufragato in acque internazionali, a trenta miglia dalla Libia, lasciando circa 50 dispersi in mare.

Quando i gruppi di salvataggio dell’ong hanno raggiunto l’imbarcazione, hanno trovato il gommone dei migranti distrutto e legato a una motovedetta della Guardia costiera libica, che non si era coordinata con le altre navi allertate per il soccorso e non si era occupata dei salvataggi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio