Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Spread oggi 29 maggio 2019: il differenziale chiude a 281,8

Immagine di copertina

Spread oggi 29 maggio 2019 | Spread tempo reale | Btp | Borsa

Spread oggi 29 maggio 2019 | Dopo le elezioni europee lo spread è tornato al centro dell’attenzione mediatica. Ad alimentare le tensioni sui mercati dei titoli di stata è, in particolare, la procedura d’infrazione per debito eccessivo che la Commissione europea si appresta ad avviare nei confronti dell’Italia.

Mercoledì 29 maggio il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a scadenza decennale si è chiuso a 281,8 punti base.

Ieri, martedì 28 maggio, il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a scadenza decennale si è mantenuto per l’intera giornata ben al di sopra dei 280 punti base.

Il vicepremier leghista e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha dichiarato che “lo spread aumenta perché c’è chi tiene sotto scacco l’Italia e vuole che resti ancorata a regole vecchie” [qui le ultime notizie sul Governo].

Dopo l’arrivo della lettera dell’Ue inviata all’Italia per chiedere chiarimenti sui conti pubblici lo spread ha toccato quota 283 punti.

Quanto è aumentato lo spread con il Governo M5s-Lega

Debito pubblico: cos’è, significato, tassi di interesse, spread

Spread | I valori del 29 maggio

17.30 – 281,8

17.00 – 282,9

16.30 – 282,7

16.00 – 283,6

15.30 – 282,3

15.00 – 280,5

14.30 – 280,7

14.00 – 280,2

13.30 – 280,3

13.00 – 273,9

12.30 – 279,5

12.00 – 280,5

11.30 – 283,5

11.00 – 281,9

10.30 – 282,6

10.00 – 286,2

09.30 – 286,1

09.00 – 286,8

Spread oggi 29 maggio | Che cos’è e perché se ne parla

Lo spread è il differenziale di rendimento tra titoli di stato italiani e tedeschi: in particolare si intende con spread la differenza tra il rendimento offerto dal Btp (buono del tesoro poliennale emesso dallo stato italiano) a 10 anni e quello offerto dal suo corrispettivo tedesco, il Bund.

Lo spread è considerato un indicatore importante per misurare la stabilità economica di un paese in relazione con gli altri paesi.

Spread | Come si calcola

Nel calcolare lo spread vengono presi a riferimento i Btp. I Btp sono una delle 5 categorie di titoli di Stato emesse sul mercato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, ciascuno con diverse caratteristiche in termini di scadenza, rendimento e modalità di pagamento degli interessi dovuti.

In generale i titoli di stato sono obbligazioni emesse per finanziare (coprire) il proprio debito pubblico o direttamente il deficit pubblico.

Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens