Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Pensioni

Pensioni Quota 100, in corso le simulazioni Inps-Mef

Immagine di copertina

PENSIONI QUOTA 100 PENALIZZAZIONI – Le ultime novità in merito alla riforma delle pensioni Quota 100 riguardano le simulazioni Inps-Mef (in pdf) in corso al fine di calcolare costi (e risparmi) delle due misure cardine del governo Lega-M5s: superamento della legge Fornero e reddito di cittadinanza.

Proprio per quanto riguarda Quota 100, nelle scorse ore il vicepremier e ministro degli Interni Matteo Salvini ha ribadito che la partenza della riforma è prevista per febbraio 2019 e che essa riguarderà tutti, senza paletti o penalizzazioni; il suo impianto, però, potrebbe subire delle modifiche che creerebbero al contrario svantaggi per alcune categorie.

> QUI TUTTE LE ULTIME NOVITÀ E GLI AGGIORNAMENTI SULLE PENSIONI

Pensioni Quota 100 | Quali penalizzazioni?

Tali cambiamenti della struttura della nuova legge in materia di previdenza riguardano le finestre di uscita, che da trimestrali potrebbero diventare semestrali, con effetti negativi sui dipendenti pubblici e il personale scolastico. Si tratta comunque ancora solo di ipotesi in quanto il testo ufficiale di Quota 100 2019 non è ancora stato presentato.

Sembra però che il premier Giuseppe Conte voglia accontentare le richieste giunte da Junker e, soprattutto, evitare la procedura di infrazione; a non essere d’accordo con questa linea ci sono i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, i quali ritengono anche che scendere sotto il 2 per cento del rapporto deficit-Pil sia eccessivo.

Ed è proprio questa la ragione alla base delle simulazioni Inps e Mef: capire cioè quanto è la spesa – sia per Quota 100 che per il reddito di cittadinanza – e se è davvero il caso di apportare alcune modifiche (come quella riguardante le finestre mobili).

Se così fosse tutti quei lavoratori che maturano i requisiti il 1 gennaio 2019, potrebbero andare in pensione soltanto il primo giugno 2019; inoltre, le finestre per i dipendenti pubblici diventerebbero due l’anno. Un meccanismo che sostanzialmente è pensato per evitare un esodo di massa; le penalizzazioni, comunque, potrebbero diventare sempre più severe con gravi ripercussioni per il personale della scuola, a meno di uno slittamento del reddito di cittadinanza che permetterebbe di recuperare risorse.

Ti potrebbe interessare
Economia / Come funziona Quota 102, l’ipotesi del Governo sulle pensioni per frenare l’ira di Salvini
Cronaca / Silvia Romano, famiglia assediata: "Non le facciamo vedere i tg"
Pensioni / Riscatto laurea agevolato, ridotti i benefici: cosa cambia con la nuova circolare Inps
Ti potrebbe interessare
Economia / Come funziona Quota 102, l’ipotesi del Governo sulle pensioni per frenare l’ira di Salvini
Cronaca / Silvia Romano, famiglia assediata: "Non le facciamo vedere i tg"
Pensioni / Riscatto laurea agevolato, ridotti i benefici: cosa cambia con la nuova circolare Inps
Economia / Landini: “Pensione a 62 anni per tutti, ecco la proposta di Cgil, Cisl e Uil”
Economia / L'Ocse: "I giovani avranno pensioni basse, sarà una bomba che esploderà"
Economia / Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Baretta: “Dopo Quota 100 non si tornerà alla Fornero”
Economia / Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Quota 100: solo una domanda su 4 arriva da una donna
Economia / Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Quota 100: i dati aggiornati a novembre
Economia / Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Tridico: “La spesa per le pensioni è assolutamente sostenibile”
Economia / Pensioni news, le ultime notizie di oggi | Per i geriatri andare in pensione fa male alla salute