Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Concorso Mibac 2019 per vigilanti, bando pubblicato: ecco requisiti, prove e come partecipare

Immagine di copertina

Il bando è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, come annunciato, nella sera di venerdì 9 agosto. Gli interessati hanno tempo per candidarsi fino al 23 settembre

Concorso Mibac 2019 per vigilanti, bando pubblicato: ecco requisiti, prove e come partecipare

Ci siamo. Il primo bando dell’atteso concorso Mibac 2019 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, IV Serie Speciale dedicata ai concorsi pubblici, la sera di venerdì 9 agosto 2019. Così come annunciato dal ministro Alberto Bonisoli (M5s), che lo scorso 1 agosto aveva detto che il vasto piano di nuove assunzioni previsto per rinnovare il personale del ministero dei Beni e delle Attività culturali sarebbe partito proprio con l’uscita del bando riservato ai vigilanti.

Tale bando, infatti, mette a disposizione 1.052 posti a tempo indeterminato per personale non dirigenziale da inquadrare nella II Area, posizione economica F2, nel profilo professionale di assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza del Mibac. I posti, da assegnarsi nei diversi uffici territoriali del dicastero, sono così ripartiti:

  • 30 in Abruzzo
  • 18 in Basilicata
  • 64 in Calabria
  • 200 in Campania
  • 51 in Emilia Romagna
  • 7 in Friuli Venezia Giulia
  • 198 nel Lazio
  • 48 in Liguria
  • 77 in Lombardia
  • 15 nelle Marche
  • 14 in Molise
  • 57 in Piemonte
  • 36 in Puglia
  • 14 in Sardegna
  • 2 in Sicilia
  • 155 in Toscana
  • 20 in Umbria
  • 46 in Veneto

Come specificato nel bando, inoltre, di questi posti “il trenta per cento è riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta, ove in possesso dei requisiti previsti dal bando”.

Concorso Mibac | I requisiti

Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti:

  • essere cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente nonché cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato
  • età non inferiore ai 18 anni
  • diploma di istruzione secondaria superiore
  • idoneità fisica all’impiego
  • godimento dei diritti civili e politici
  • non aver riportato condanne penali

Concorso Mibac | Prove selettive

Secondo quanto spiegato nel bando, il concorso per vigilanti prevede una serie di prove nell’ambito di una procedura di selezione che sarà gestita dalla Commissione Ripam, la quale si avvarrà a sua volta di Formez Pa.

Innanzitutto ci sarà una prova preselettiva, poi una prova scritta e una orale. La prima fase, quindi la preselettiva, consisterà in un test da svolgere in un tempo massimo di sessanta minuti e composto da 60 quesiti a risposta multipla utili a verifica:

  • la capacità logico-deduttiva
  • di ragionamento logico-matematico
  • di carattere critico verbale

Altri 20 quesiti saranno poi volti a verificare il grado di conoscenza degli elementi generali di diritto del patrimonio culturale (Codice dei beni culturali e del paesaggio), del patrimonio culturale
italiano e della normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. La prova preselettiva potrà essere superata da un numero di candidati pari a cinque volte il numero dei posti messi a concorso.

Per quanto riguarda invece la prova scritta, anche questa sarà composta da quesiti a risposta multipla vertenti le seguenti materie:

  • elementi di diritto del patrimonio culturale (Codice dei beni culturali e del paesaggio)
  • nozioni generali sul patrimonio culturale italiano
  • elementi di organizzazione, ordinamento e competenze del Ministero
  • elementi di diritto amministrativo
  • normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
  • disciplina del rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione

Nell’ambito della medesima prova, chiarisce sempre il bando, si procederà “all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, delle tecnologie informatiche e della comunicazione e del
Codice dell’amministrazione digitale”.

Infine la prova orale, che consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati sulle materie della prova scritta.

Concorso Mibac | Domanda: come partecipare al concorso

Per partecipare al concorso Mibac è possibile inviare la propria domanda entro e non oltre il 23 settembre 2019 esclusivamente per via telematica compilando il modulo on line tramite il sistema “Step-One 2019”, all’indirizzo internet https://www.ripam.cloud.

Per la partecipazione al concorso sarà inoltre necessario effettuare il versamento della quota di partecipazione di € 10.

Concorso Camera dei deputati, pubblicati due bandi per 38 consiglieri parlamentari: ecco requisiti e scadenza

Concorso ministero Giustizia, pubblicato il bando per 2.329 funzionari giudiziari: requisiti e come candidarsi

Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)
Lavoro / Bologna, Logista licenzia 90 dipendenti con un messaggio su WhatsApp
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Economia / La Commissione europea contro l’Italia: “Il blocco dei licenziamenti è dannoso”
Lavoro / Trecento nuove assunzioni in Gi Group nel 2021