Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Cannabis light, negoziante si incatena davanti al suo shop chiuso: “Impossibile avere opinioni diverse da chi è al governo”

Immagine di copertina

Virgilio Gesmundo, giovane di 24 anni, è proprietario di un negozio di erba legale a Caserta. Venerdì 31 maggio i carabinieri hanno sequestrato la sua attività

Cannabis light venditore incatenato | “Ridatemi l’Articolo 1 della Costituzione”. È questo l’appello di Virgilio Gesmundo, proprietario del GreenPlanet Grow-Shop, un negozio di cannabis light a Caserta.

Dalla mattina del 5 giugno il giovane imprenditore, che indossa un gilet giallo e si sente “più francese che italiano”, ha deciso di incatenarsi alla grata della sua attività, chiusa dopo l’intervento dei carabinieri.

Il motivo del sequestro è legato alla recente sentenza della Cassazione, che ha dichiarato fuorilegge la vendita di cannabis “salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante”. Vale a dire, con THC inferiore allo 0,5%.

Ma Virgilio, come ci racconta, aveva già messo fuori vendita i 16 grammi di cannabis light, poi sequestrati, “in attesa delle motivazioni della sentenza della Cassazione”.

Ciò non è comunque bastato. Venerdì 31 maggio le forze dell’ordine, eseguendo un decreto di sequestro immediato disposto dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, hanno messo i sigilli alla sua attività.

“La sentenza – afferma il proprietario – è stata secondo noi male interpretata dal Tribunale di Santa Maria. Ciò che mi fa più rabbia è che, con la chiusura dell’attività, mi è stata vietata anche la vendita di altri prodotti, come terra, concimi e semi di basilico che non hanno nessun effetto drogante. Mi è stata, insomma, tolta l’opportunità di lavorare”.

Aggiunge: “Questo è un atto politico e propagandistico vero e proprio, che ha fatto festeggiare chi spaccia da anni e resta impunito. Ci diano, piuttosto, la possibilità di avere una opinione diversa da chi è al governo. Altrimenti – conclude – non è democrazia, ma dittatura”.

Per sabato 8 giugno il giovane Virgilio, insieme ai suoi compagni e alla gran parte della comunità casertana che lo sta sostenendo, ha organizzato una manifestazione di protesta che partirà dal suo negozio in via Gemito, 71.

Leggi anche, La Cassazione: “È reato vendere la cannabis light”

Il “re” di Easyjoint a TPI: “Sentenza Cassazione cannabis? Genera solo caos, noi tranquilli”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass