Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

La geniale rinascita di Valogno: il borgo dimenticato risorto grazie ai murales

Immagine di copertina
Credit: Davide Traglia

Valogno murales – Quella di Valogno, nel casertano, potrebbe essere una delle tante storie che si raccontano sui piccoli borghi meridionali, spopolati a causa delle scarse possibilità lavorative e dei servizi inefficienti. E invece no.

È una storia diversa, dove si è deciso di rispondere alla emorragia demografica attraverso la passione per l’arte di Giovanni Casale e Dora Mesolella, che hanno reso questo paesino una “galleria all’aria aperta”. In che modo? Facendo realizzare, da artisti locali e internazionali, ben cinquanta murales colorati.

“L’iniziativa si intitola ‘I colori del grigio’ ed è cominciata nel 2006″, spiega Casale. “È una sorta di sfida e il titolo, emblematico, lo chiarisce: il grigio è l’oscurità dell’anima. Colorare il grigio vuol dire sia riempire di colore momenti di torpore e di tristezza sia riqualificare dei luoghi che erano stati violati perché mal ristrutturati”.

Valogno murales – “I murales – continua – rappresentano vari argomenti: alcuni riguardano l’amore e hanno per protagonista un folletto, che secondo la tradizione vive all’interno delle nostre abitazioni. Altri sono dedicati alla storia d’Italia, alla mietitura e alla vita agreste. Ce n’è un altro, il più famoso, su Frida Kahlo”.

La volontà non è quella di fare business. Il loro motto, “alla semina non al raccolto”, lo chiarisce.

Valogno murales – Non a caso, le opere sono messe sulle strade pubbliche, possono essere visitate a qualsiasi ora del giorno e non c’è alcun biglietto da dover pagare. Si punta, piuttosto, a far diventare Valogno un luogo d’accoglienza, in cui sia forte l’idea di proprietà sociale e dove “gli ospiti si sentano, al tempo stesso, padroni”.

Questo trova conferma nel concetto di casa aperta: “Le nostra case sono a disposizione di chiunque voglia venire”, dice Giovanni. “Organizziamo spesso dei dibattiti veri e propri, che possono avere per temi la poesia, l’arte o l’attualità”.

Intanto, si guarda al futuro. Per il 22 giugno è previsto l’arrivo di uno storyboarder europeo che realizzerà, su una vecchia porta, un’opera raffigurante la brigantessa Michelina Di Cesare. A questa, si affiancano altre due realizzazioni: una donata da una Onlus di Quarto e un’altra dedicata alla famosa giornalista Matilde Serao.

Street Art da salotto: la moda di ingaggiare un writer per un murales in casa

I più bei murales del mondo sui baci

Under 18 – Storie di sogni periferici: le periferie romane viste attraverso gli occhi (e i sogni) dei loro giovani abitanti

Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani