Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Vi racconto perché ho scelto Luca Zingaretti per fare Montalbano”: le parole del regista Sironi, morto oggi

Immagine di copertina

Alberto Sironi, il regista del commissario Montalbano morto il 5 agosto all’età di 79 anni, aveva raccontato così la scelta di Luca Zingaretti come protagonista della serie Tv. C’erano solo tre attori: “Uno non poteva venire perché aveva litigato con la moglie e aveva un occhio nero, l’altro non ha fatto un ottimo provino, Luca invece è stato bravissimo.

La scelta di mettere un poliziotto simpatico è ispirata dal poliziesco americano perché per noi, fino agli anni Ottanta, la polizia era quella fascista con il manganello in mano. Io mi sono concentrato sulla figura privata del commissario”, dichiarava in un’intervista a Repubblica del 7 marzo 2016.

Così è nata la decisione di prendere come attore Zingaretti. Ma Camilleri a quanto pare non era d’accordo anche se conosceva bene Zingaretti perché era stato un suo allievo all’accademia romana di recitazione Silvio D’Amico: “Io lo avevo immaginato diverso, ho scritto un’altra cosa”, così commentò la scelta il celebre scrittore di porto Empedocle.

Lo avrebbe voluto con la pancetta, un po’più vecchio del giovane Zingaretti e con una capanna di riccioli. “Poi però quando ha visto la prima puntata si è ricreduto: “Mi sono piaciute anche le comparse”, raccontava Sironi.

È morto il regista di Montalbano Alberto Sironi: fu lui a scegliere Zingaretti per il ruolo del commissario di Vigata

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore