Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Leader di CasaPound contro il Salone del Libro: “Altaforte fuori? Assurdo”

Immagine di copertina
Simone Di Stefano. Credit: Facebook/Simone Di Stefano

Salone del Libro news 2019 Di Stefano – “L’esclusione della casa editrice Altaforte al Salone? Vicenda assurda, giudicheranno gli italiani: non erano previsti comizi ma la presentazione di un libro”. A parlare è Simone Di Stefano, segretario nazionale del movimento di estrema destra CasaPound, che, in occasione di un incontro organizzato al Comune di Cuneo, ha affrontato la questione delle polemiche attorno al Salone di Torino.

Segui tutti gli aggiornamenti sul Salone del Libro

“Discutiamo pure dell’appartenenza di questo movimento un filone storico che deriva dal fascismo, ma noi non siamo antidemocratici, altrimenti la magistratura ci avrebbe già sciolto”, ha aggiunto ancora Di Stefano.

Le parole di Di Stefano arrivano in seguito all’esclusione da parte degli organizzatori del Salone del Libro dello stand di Altaforte, la casa editrice fondata da Francesco Polacchi vicina a CasaPound. La presenza del banchetto dell’editore Polacchi alla manifestazione torinese aveva scatenato la polemica. [Qui l’articolo sulle polemiche al Salone]

Tutto quello che c’è da sapere sul Salone del Libro di Torino

Tanti gli autori che avevano scelto di non partecipare all’appuntamento torinese per protesta. Determinante anche la presa di posizione del museo di Auschwitz, che in una lettera invitata al Comune di Torino lanciava un aut aut: o la loro ospite, la sopravvissuta all’Olocausto Halina Birenbaum, o i fascisti di CasaPound.

“L’attacco è a Salvini”: Altaforte risponde all’esclusione dal Salone del Libro

Gli organizzatori del Salone del Libro, alla vigilia dell’inizio dell’evento, hanno escluso la casa editrice Altaforte. “È necessario tutelare il Salone del Libro, la sua immagine, la sua impronta democratica e il sereno svolgimento di una manifestazione seguita da molte decine di migliaia di persone”, hanno affermato la Regione Piemonte e il Comune di Torino, soci del Salone.

Sempre da Sergio Chiamparino e dalla sindaca Chiara Appendino nei giorni scorsi era arrivata la condanna della presenza dello stand di Altaforte. Le due istituzioni avevano dato mandato di denunciare l’editore Francesco Polacchi per apologia di fascismo.

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Tu puoi cambiare il mondo”: il libro di Comin e Giansante
Cultura / Scomodo e controcorrente: “Virilità” è ciò di cui abbiamo bisogno nell’epoca della cancel culture
Cultura / Negazionisti dell’omosessualità: storie di vite distrutte dallo stigma
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Tu puoi cambiare il mondo”: il libro di Comin e Giansante
Cultura / Scomodo e controcorrente: “Virilità” è ciò di cui abbiamo bisogno nell’epoca della cancel culture
Cultura / Negazionisti dell’omosessualità: storie di vite distrutte dallo stigma
Cultura / Sognando Mediterraneo (di G. Cederna)
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Cultura / Diritto della privacy e protezione dei dati personali. Il GDPR alla prova della data driven economy: il libro di Alongi e Pompei
Cultura / Dacia Maraini a TPI: “La gentilezza ci salverà”
Cultura / I libri da leggere questa settimana