Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

Leader di CasaPound contro il Salone del Libro: “Altaforte fuori? Assurdo”

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 9 Mag. 2019 alle 16:37 Aggiornato il 9 Mag. 2019 alle 17:32
0
Immagine di copertina
Simone Di Stefano. Credit: Facebook/Simone Di Stefano

Salone del Libro news 2019 Di Stefano – “L’esclusione della casa editrice Altaforte al Salone? Vicenda assurda, giudicheranno gli italiani: non erano previsti comizi ma la presentazione di un libro”. A parlare è Simone Di Stefano, segretario nazionale del movimento di estrema destra CasaPound, che, in occasione di un incontro organizzato al Comune di Cuneo, ha affrontato la questione delle polemiche attorno al Salone di Torino.

Segui tutti gli aggiornamenti sul Salone del Libro

“Discutiamo pure dell’appartenenza di questo movimento un filone storico che deriva dal fascismo, ma noi non siamo antidemocratici, altrimenti la magistratura ci avrebbe già sciolto”, ha aggiunto ancora Di Stefano.

Le parole di Di Stefano arrivano in seguito all’esclusione da parte degli organizzatori del Salone del Libro dello stand di Altaforte, la casa editrice fondata da Francesco Polacchi vicina a CasaPound. La presenza del banchetto dell’editore Polacchi alla manifestazione torinese aveva scatenato la polemica. [Qui l’articolo sulle polemiche al Salone]

Tutto quello che c’è da sapere sul Salone del Libro di Torino

Tanti gli autori che avevano scelto di non partecipare all’appuntamento torinese per protesta. Determinante anche la presa di posizione del museo di Auschwitz, che in una lettera invitata al Comune di Torino lanciava un aut aut: o la loro ospite, la sopravvissuta all’Olocausto Halina Birenbaum, o i fascisti di CasaPound.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

“L’attacco è a Salvini”: Altaforte risponde all’esclusione dal Salone del Libro

Gli organizzatori del Salone del Libro, alla vigilia dell’inizio dell’evento, hanno escluso la casa editrice Altaforte. “È necessario tutelare il Salone del Libro, la sua immagine, la sua impronta democratica e il sereno svolgimento di una manifestazione seguita da molte decine di migliaia di persone”, hanno affermato la Regione Piemonte e il Comune di Torino, soci del Salone.

Sempre da Sergio Chiamparino e dalla sindaca Chiara Appendino nei giorni scorsi era arrivata la condanna della presenza dello stand di Altaforte. Le due istituzioni avevano dato mandato di denunciare l’editore Francesco Polacchi per apologia di fascismo.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.