Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Chi ha vinto il RobotArt 2018, il concorso di pittura per le macchine

Immagine di copertina

Nell'arte non esistono regole precise a cui attenersi e codici da seguire. Ciò nonostante anche i robot possono essere grandi pittori

RobotArt 2018

Nell’arte non esistono regole precise a cui attenersi e codici da seguire. Ciò nonostante anche i robot possono essere grandi pittori.

Ne è la prova il RobotArt, che quest’anno è arrivato alla sua terza edizione. Si tratta di un concorso nel quale 19 gruppi hanno presentato oltre 100 opere d’arte create, appunto, da robot.

I vincitori del RobotArt 2018 sono stati scelti sulla base di una combinazione tra votazioni pubbliche, tra cui oltre 2mila persone che hanno espresso la loro preferenza su Facebook, e una giuria composta da artisti, critici e esperti di tecnologia.

Ma come possono i robot creare arte? I robot che dipingono operano generalmente in due modi: tramite il coinvolgimento diretto dell’uomo, ad esempio, grazie all’operazione remota manuale o addirittura telecinetica del braccio del robot, oppure ricevendo comandi di pittura creati da un software.

I robot che dipingono con il coinvolgimento umano diretto possono ricevere input in più modi. Il modo più semplice è quello di creare uno strumento fisico che un artista umano possa muovere e fare in modo che un robot imiti i movimenti da remoto.

I comandi di pittura generati da un software possono essere assimilati alla “tecnica dell’artista” che li ha impostati e spesso offrono simili a come dipinge il pittore umano.

Il RobotArt 2018 è stato vinto da un team statunitense indipendente che ha creato il robot-artista CloudPainter, che ha ricevuto un premio di 40mila dollari.

Incorporando la tecnologia di apprendimento automatico, CloudPainter è stato in grado di dipingere ritratti evocativi con vari gradi di astrazione.

Eccone un esempio:

RobotArt 2018

Al secondo posto, con un premio di 25mila dollari, si è piazzato il robot PIX18/Creative Machines Lab.

Il robot è stato creato da un gruppo di lavoro della Columbia University, che era arrivato primo nel 2017, e quest’anno ha creato una raccolta di opere d’arte di stile impressionista.

RobotArt 2018

All’ultimo gradino del podio c’è CMART ReART, creato da un team della Kasetsart University, in Thailandia, a cui sono andati 10mila dollari.

RobotArt 2018

Leggi anche: Una designer cinese sta progettando un fidanzato-robot in grado di sostituire gli uomini

Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé