Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Quando e perché abbiamo smesso di leggere i libri ad alta voce

Immagine di copertina
Credit: Afp

Alcuni cambiamenti culturali hanno segnato il passaggio dall'oralità alla lettura solitaria, una pratica assai rara prima del diciottesimo secolo

Nell’immaginario comune la lettura è una pratica solitaria, tipica dei momenti di quiete. Per secoli nei territori europei chi sapeva leggere lo faceva a voce alta, ed è solo a partire dal Seicento che la cultura della lettura ha iniziato a cambiare drasticamente, anche a causa di alcune precedenti invenzioni come quella della stampa a caratteri mobili, nel 1455.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nell’antichità la lettura silenziosa era considerata strana e inusuale, mentre era normale condividere ciò che si stava leggendo con gli astanti. Robert Darnton, storico statunitense, afferma che fino al diciottesimo secolo “per le persone comuni la lettura era un’attività sociale. Aveva luogo durante riunioni, nei fienili e nelle taverne. Era quasi sempre orale ma non necessariamente edificante”.

Ad un certo punto questa pratica è cambiata. Verso la fine del Settecento, la lettura silenziosa avveniva di norma tra i ceti più colti e benestanti.

La diffusione dell’alfabetizzazione e il conseguente aumento della domanda di libri e giornali innalzò la produzione del materiale da leggere semplificandone la diffusione e ampliando la varietà dei generi, con il crescente successo del romanzo.

A tal proposito Darnton sottolinea come fino alla metà del Settecento le persone che sapevano leggere possedessero generalmente solo tre libri, ovvero la Bibbia, un almanacco e alcuni libretti religiosi, che leggevano e rileggevano più volte. Dalla metà dell’Ottocento, invece, si diffuse la lettura di periodici e giornali.

La lettura silenziosa aiutava a sviluppare rigore intellettuale, introspezione, e un pensiero critico nei confronti del governo e della religione che non poteva essere espresso oralmente. Proprio per questo tale pratica era biasimata da chi la considerava un’attività per pigri e sognatori, priva della necessaria intermediazione delle istituzioni politiche e religiose per l’interpretazione dei testi.

Nel corso dell’Ottocento, la lettura silenziosa era diventata talmente popolare che si iniziò anche a temere che stimolasse nelle donne pericolosi pensieri sessuali.

Alcuni studiosi pensano che il passaggio alla lettura solitaria sia imputabile ad un cambiamento della pratica scrittoria: i Romani utilizzavano la scripta continua, cioè scrivevano le parole attaccate, senza spazio e senza punteggiatura, e questo richiedeva grande concentrazione e padronanza del testo.

L’introduzione degli spazi tra le parole, quindi, avrebbe costituito una forte spinta verso l’abbandono dell’oralità.

Ciò vale solo per la zona europea, perché in altre culture come quella cinese, dove già le parole erano distanziate e si utilizzava la prosodia, la lettura silenziosa può essersi sviluppata in modi e per ragioni differenti.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Ti potrebbe interessare
Cultura / Diritto a Teatro: il 17 e 18 giugno l’Antigone di Sofocle al Teatro Palladium
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani