Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Il mostro in frantumi, l’ultimo libro di Filippo Nanni

Immagine di copertina

Un romanzo sugli attori di un processo, quello al mostro di Firenze, seguito dal giornalista mentre era inviato per il Giornale Radio Rai

Di libri sul processo al mostro di Firenze, ne sono circolati tanti negli anni, è uno di quei misteri italiani che non abbandona la coscienza del paese, un po’ per l’efferatezza dei delitti e un po’ perché la verità giudiziaria sul caso non ha mai davvero soddisfatto l’opinione pubblica.

È questa la storia che intende raccontare Filippo Nanni, giornalista e vicedirettore di RaiNews24, nel suo ultimo libro, Il mostro in frantumi: (Un processo in 10 storie), disponibile su Amazon sia in versione digitale che cartacea (108 pagine, euro 6,99).

Questa non è la cronaca di un processo ma il racconto dei personaggi che lo hanno animato: il pubblico ministero, l’avvocato, il consulente di parte, il giudice popolare, il detective, il giornalista e il mostro.

Giovane inviato per il Giornale Radio Rai, Nanni seguì il processo Pacciani con l’occhio del giovane cronista che oltre a raccontare le sentenze, le arringhe e le requisitorie annotava le storie, i colori e il gossip sui protagonisti di quel processo.

Un racconto nato tra stanze d’albergo e notti passate a lavorare su appunti e note prese tra le aule di tribunale e i luoghi frequentati da quei personaggi, che fuori dal processo tornavano a essere uomini e donne comuni.

Questo romanzo è appunto un misto tra realtà, fantasia e indiscrezioni rubate ai protagonisti.

Leggi anche: La storia del mostro di Firenze

“Un processo nasce, invecchia e muore proprio come noi”, si può leggere nella quarta di copertina. “La sua unità di misura non sono i giorni o gli anni, ma le udienze”.

“E mentre il processo vive, le sue vicende si intrecciano con quelle dei suoi attori”. Sono proprio questi caratteri e queste storie, invisibili al procedimento e alla verità giudiziaria, che Nanni intende restituire al lettore.

In questo miscuglio di incontri e ostilità, conoscenze e contrasti, le vicende dei protagonisti arrivano a incrociarsi e dividersi, a farsi compagnia per un po’ per poi dimenticarsi per sempre o diventare amici.

Se tutto questo fosse un film, alla fine apparirebbe la solita precisazione «ogni riferimento a fatti e personaggi esistenti è puramente casuale» e poi ognuno si fa la sua opinione.

L’autore, già più volte pubblicato, ha deciso stavolta di rivolgersi direttamente al mercato elettronico. La scelta è stata dettata dalla voglia di sperimentare l’ebook e fare di questa storia non un prodotto tradizionale ma qualcosa di diverso.

Ti potrebbe interessare
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Ti potrebbe interessare
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani
Cultura / Ninni Bruschetta su Boris 4: “Non posso dire niente, ma sono sicuro che Duccio in questi anni ha fatto qualcosa di brutto…”