Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

La mostra in cui puoi portare a casa tutte le opere che vuoi

Di Anna Carla Zucca
Pubblicato il 15 Gen. 2018 alle 14:05 Aggiornato il 27 Mar. 2018 alle 18:57
0
Immagine di copertina

“Take Me (I’m Yours) si proponeva di rompere un tabù: la convenzione che impone di non toccare nulla in un museo perché l’opera è sacra” così Christian Boltanski, uno degli artisti ideatori della mostra, racconta l’origine del progetto espositivo.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

L’idea nasce negli anni Novanta a seguito dello scambio tra il curatore Hans Ulrich Orbist e Boltanski e dal 2015 si è spostata tra Parigi, Copenhagen, New York e Buenos Aires.

La mostra collettiva arriva nel novembre 2017 alla fondazione Pirelli HangarBicocca di Milano e domenica 14 gennaio, dalle 11 alle 20, vede un grande evento di finissage con conversazioni, musica e performance dedicate.

Al Pirelli HangarBicocca il visitatore entra in uno spazio con circa cinquanta opere: pile di vestiti di seconda mano, decine di biscotti della fortuna, centinaia di caramelle, giornali da strappare, spille da collezionare e una stampante per creare un souvenir di qualsiasi parte del proprio corpo.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Queste sono solo alcune delle produzioni che, con l’acquisto di una borsa di carta per 10 euro marcata “Dispersion”, si possono raccogliere e portare a casa.

Ogni oggetto, oltre ad essere collezionabile, ha una storia e un significato. La spilla azzurra di Annette Messager mette in discussione il ruolo della donna in modo ironico: il disegno di un utero che mostra il dito medio e la scritta “A mio desiderio” ricordano al visitatore che, nonostante possa prendere liberamente la spilla, questa rivendica il diritto di negarsi.

Tutte le produzioni ruotano attorno al concetto di dono e condivisione “Oggi c’è un livello di condivisione che non esisteva vent’anni fa. Se posto una foto su Facebook, la metto a disposizione di chiunque” afferma Boltanski.

Il concetto di dono non è solo materiale, riguarda anche momenti da vivere in prima persona e condividere: l’opera di Anri Sala “Instructions” consiste in una serie di indicazioni, tra cui il biglietto da visita di un tassista, per vivere in futuro l’esperienza di una corsa in taxi a Francoforte a contatto con persone e luoghi indicati dall’artista.

Nel concetto della mostra ogni opera è destinata alla dispersione venendo lentamente smantellata dai visitatori e poi portata in giro per la città.

Ogni nuova esposizione comprende progetti storici, presenti dalla prima mostra del 1995, e nuove idee sempre diverse, legate ai temi della società contemporanea.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.