Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

La pandemia ha ucciso il cinema: viaggio nelle sale che hanno chiuso i battenti e mai più riaperto

Immagine di copertina
Credits: Chiara Negrello

A Roma le sale attive sono appena 37. In alcune città non ce n’è nemmeno una. Ma così le persone non sognano più

Ci sono luoghi, in Italia, che non hanno più un “Cinema Paradiso”. Neanche uno. E ci sono poi altre città, come Roma, che hanno più sale cinematografiche chiuse che aperte. Secondo la mappatura dell’Associazione Dire Fare Cambiare ce ne sono 101. Di cui 43 risultano abbandonati, a fronte dei sopravvissuti e attivi che sono 37. Il multisala Barberini, in pieno centro, è chiuso per ristrutturazione da giugno 2020. La fine dei lavori è prevista per dicembre 2021. Nel frattempo, le impalcature la sera fanno da vassoi a bottiglie vuote, tappi e bicchieri in plastica che conservano qualche residuo di caffè. Stesso destino per il Fiamma, storico multisala romano, a pochi metri da Via Veneto: le porte del cinema che nel 1960 ospita la prima de La Dolce Vita di Federico Fellini sono chiuse dal 2018. Da tre anni è chiuso anche il Royal. Eppure, all’esterno il display luminoso continua a proiettare i trailer del momento con le date d’uscita in sala. Peccato che lì nessuno di quei titoli possa essere visto.. Continua a leggere la storia sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: le 10 mappe che spiegano il mondo
Cultura / Conciliare cyber-security e smart working è una sfida
Cultura / Connessi, multitasking, trasversali: il futuro del lavoro è dei multipotenziali