Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Freccero a TPI: “Con il Covid la tv mainstream amplifica la divisione tra élites e popolo”

Immagine di copertina
Carlo Freccero. Credit: ANSA

Sul nuovo numero del settimanale The Post Internazionale - TPI, in edicola da venerdì 29 ottobre, l'intervista a Carlo Freccero di Vittorio Zincone

Si avvicina al centro del salone vellutato dell’hotel genovese agitando un foglio: «È il tampone. È negativo. L’ho fatto per accontentare voi fascistelli dell’ortodossia». Carlo Freccero, ormai divide il mondo così: da una parte la galassia dei dissidenti, i No Green Pass, dall’altra gli ortodossi, i sacerdoti del “conformismo mainstream”. È uno dei promotori del referendum che vorrebbe eliminare la certificazione verde. «Perché voi dei media non parlate dei numeri dell’Istituto Superiore di Sanità?».
Quali numeri?
«Ma come “quali numeri?”. I 3.783 morti. Il Covid ha ucciso solo 3.783 persone».
I morti sono più di centotrentamila. L’ISS, studiando un campione di circa ottomila vittime, ha rilevato che il 2,9 percento non aveva patologie pregresse. Quel 3.783 è un numero dedotto calcolando il 2,9 percento dei deceduti ufficiali.
«È un dato che ribalta il paradigma: la pandemia è stata gonfiata ad arte».

È un dato che i No Green Pass fraintendono.
«Vede che la frattura tra ortodossi e dissidenti è insanabile? Vengo da un incontro con Stefano Puzzer…».
Uno dei leader dei portuali triestini in rivolta.
«Ha una potenza di linguaggio incredibile. È chirurgico. Ha qualcosa di spirituale. Mi ha ricordato il Discorso della Montagna».
Puzzer come Gesù Cristo.
«È un paradosso, su. Ha una grande pulizia morale. È l’anti-Draghi».
Quando chiedo a Freccero se a lui, ex dirigente Rai di rito gauchista, faccia piacere marciare al fianco di Giorgia Meloni e di Matteo Salvini, sbuffa: «Ma che c’entra? La lotta oggi è tra élite e popolo. Siamo una moltitudine, un insieme di diversità, come lo era la Resistenza». Boom. «Siamo tuttI agli estremi. Siamo ai lati. Non riuscite a educarci». Per continuare a leggere l’intervista a Carlo Freccero sul settimanale The Post Internazionale-TPI clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé