Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi

Immagine di copertina
I festeggiamenti per la vittoria dell'Italia in semifinale contro la Spagna a Euro 2020. Venaria Reale, Torino, 6 luglio 2021. Credit: ANSA/JESSICA PASQUALON

In queste ore, sul web, stanno spuntando come funghi video inconcepibili di alcuni festeggiamenti per la vittoria dell’Italia nella semifinale degli Europei 2020. “Inconcepibili”, perché nessuno può giustificare, oltre alla quasi totale assenza di raziocinio nell’inutilizzo di mascherine e altre misure di sicurezza (qualcuno dirà che si tratta di scene all’aperto, ma data la distanza assente tra le persone sarebbe impossibile non contagiarsi se ci fossero asintomatici), la maleducazione, la strafottenza fino alla violenza.

Gravi incidenti stradali a seguito di stupide acrobazie con le auto, vetture scosse e percosse in mezzo a sciami di tifosi, petardi scoppiati a pochi centimetri dal corpo, gente salita sul tetto degli autobus e poi caduta rovinosamente sull’asfalto, ragazze molestate con palpeggiamenti non richiesti, tamponamenti a motorini quasi mortali.

Fino a, forse il peggiore per umiliazione, quello in cui un rider  è costretto a passare col suo scooter in mezzo a una folla che, anziché permettergli di lavorare in pace, facendogli spazio per lasciarlo andare, lo spinge fino a farlo cadere a terra, e poi lo calpesta, gli tira calci addosso e lo picchia sul casco, qualcuno sale addirittura in piedi sul suo mezzo sdraiato, sul cassone del cibo da consegnare, fino a che, non senza fatica, l’uomo si rialza, risolleva il motorino e cerca di ripartire, risalendo lento quella corrente impazzita. L’incivile indecenza che schiaccia completamente la dignità di una persona, di un lavoratore, di un cittadino.

Immagini inguardabili, da Milano a Cerignola. Il fallimento, in pochi secondi, di una generazione sulla quale, per colpa di un branco di irresponsabili scellerati, risulta difficile continuare a scommettere. Perché a rimetterci è sempre un’intera categoria di giovani perbene, a rappresentare un futuro migliore, aperto ai diritti di tutte e tutti, comprensivo ed empatico. Tutto ciò che in certe riprese, però, non possiamo ritrovare e per questo restare ottimisti diventa faticoso.

Ma se generalizzare è sempre sbagliato, e dunque è giusto ribadire come il calcio, di per sé, non sia un ambiente tossico, è altrettanto lecito chiedersi come mai episodi simili siano rari quando si parla di altri sport: pallavolo, basket o rugby, ad esempio. Mi chiedo per questo come si possa continuare a chiudere gli occhi su un problema reale, che non riguarda “semplicemente” gli ultras delle singole squadre ma una certa cultura esagitata dei tifosi che non sanno, di fatto, riconoscere i limiti. 

Perché se tutto questo è un problema che tocca da sempre il calcio, e che nessuno osa evidenziare forse per un background di tradizione “machista”, perché la maggior parte dei Comuni si fa trovare tutt’oggi impreparata in queste occasioni? Possibile che per domenica prossima nessuno abbia ancora diffuso misure ufficiali per contenere i danni che, inevitabilmente, ci saranno?

Abbiamo il dovere di indignarci, di prendere posizione, di dire che non è vero che “il pallone”, in Italia, è intoccabile. Lo diventa eccome se, anziché diffondere messaggi positivi di solidarietà, fair play e rispetto, mostra i lati peggiori dell’essere umano. Perché no, io quelle braccia viscide che si allungano verso il corpo di una mia coetanea, sollevandole la maglietta e agguantandole i seni come fossero una coppa da conquistare, non posso e non voglio dimenticarle.

Dobbiamo evitare che tutto questo venga accostato al concetto di “libertà”. Alla scusa che la clausura, lo stress e le difficoltà di questo anno e mezzo, che non possono essere il lasciapassare per inondare piazze, strade e rotonde come se la pandemia fosse stata debellata per sempre. E soprattutto, come se il buon senso e il raziocinio non fossero propri di questo mondo. Del loro mondo. Perché se è vero, come dicono, che inginocchiarsi sul campo non risolve un problema, ora è l’occasione per dimostrare coi fatti da che parte si vuole stare.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco
Cultura / Ora basta, siamo stufi del qualunquismo della Ferragni che semplifica il dibattito sul ddl Zan