Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Il Duomo di Parma: tutto quello che c’è da sapere sulla cattedrale emiliana

Immagine di copertina

DUOMO DI PARMA – Il Duomo di Parma, noto anche come cattedrale di Santa Maria Assunta, è uno dei migliori esempi di arte romanica dell’Emilia Romagna. Un monumento imperdibile per chi visita la città emiliana, un luogo di grande storia, sacralità, e in cui sono custoditi resti di grande valore, come i bassorilievi di Benedetto Antelami e gli affreschi del Correggio.

La città di Parma, e quindi anche il suo Duomo, saranno protagonisti della puntata di Meraviglie, la trasmissione di Alberto Angela, in onda su Rai 1 martedì 2 aprile 2019. Scopriamo tutto quello che da sapere: la storia e le opere da visitare.

Duomo di Parma | Storia

La prima costruzione del Duomo risale al 1059, voluta dall’antipapa Cadalo, forse sui resti di una precedente Mater Ecclesia paleocristiana. La chiesa medievale crollò nel 1117 a seguito di un terremoto. La sua ricostruzione, con uno stile diverso, influenzato dall’arte d’oltralpe, venne ripresa nel 1130.

La facciata viene fatta risalire a Benedetto Antelami. La pianta del Duomo di Parma è a croce latina a tre navate. Ma vediamo quelli che sono i monumenti e le opere più belle presenti all’interno del Duomo di Parma.

In primis la Cupola di Correggio, con l’Assunzione della Vergine: una splendida opera prospettica in cui la luce e il movimento creano un capolavoro dell’illusionismo prospettico. Imponente anche il ciclo prospettico di Lattanzio Gambara che accompagna lo spettatore lungo tutta la navata centrale: l’opera racconta la vita di cristo e altri episodi del Vecchio Testamento.

Spettacolare anche la deposizione di Benedetto Antelami, capolavoro dell’arte gotica. Il grande portone intagliato dell’ingresso, con i leoni a lato, è opera di Luchino Bianchino. 

Duomo di Parma | Orari

Le visite al Battistero e alla cattedrale sono sospese durante le celebrazioni liturgiche. Per il resto, il Duomo è visitabile tutti i giorni dalle ore 8:00 alle 19:00, mentre la visita turistica è disponibile tutti i giorni dalle ore 10:00 alle 18:30. Chiuso il 25 dicembre dalle 12:30 alle 15:30.

Il Battistero e il Museo diocesano sono aperti tutti i giorni dalle ore 10:00 alle 18:00. Chiusi il 25 dicembre dalle 12:30 alle 15:30.

Duomo di Parma | Prezzo

In cattedrale ingresso libero per visitatori singoli, gruppi senza guida o con capogruppo che non fornisce spiegazioni, studenti e gruppi scolastici della scuola primaria e secondaria di I e II grado. L’entrata al battistero costa 8 euro. Il biglietto ridotto (over 65 anni, studenti universitari, gruppi con minimo 5 persone) è di 6 euro.

Infine per i ragazzi, studenti con la classe scuola primaria e secondaria di I e II grado, il costo è di 2 euro.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Investimenti online: ecco alcune idee
Costume / La Treccani elimina “cagna” e “zoccola” dai sinonimi di donna: il vero dramma è che finora li erano
Cultura / Un libro di corsa: Tracce dal silenzio
Ti potrebbe interessare
Cultura / Investimenti online: ecco alcune idee
Costume / La Treccani elimina “cagna” e “zoccola” dai sinonimi di donna: il vero dramma è che finora li erano
Cultura / Un libro di corsa: Tracce dal silenzio
Cultura / Ricominciamo, insieme: il Teatro Palladium alza il sipario. Il programma completo
Cultura / Jorit a TPI: “Ho dipinto il sorriso di Luana perché si lavori per vivere, e non per morire” | VIDEO
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste