Me

Claudia Durastanti, candidata al Premio Strega con “La straniera”: di cosa parla il romanzo?

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 27 Mar. 2019 alle 19:04
Immagine di copertina

CLAUDIA DURASTANTI PREMIO STREGA 2019 – Claudia Durastanti è una delle autrici che partecipa tra i 12 finalisti del Premio Strega 2019, uno dei premi letterari italiani più ambiti e rinomati.

Il romanzo in gara è intitolato “La straniera” ed è stato proposto da Furio Colombo che l’ha definito come un “romanzo che merita attenzione per tre aspetti del tutto insoliti (oltre all’insolito percorso biografico e di lavoro dell’autrice, che è e non è una straniera). Il primo aspetto è certamente il linguaggio. Riflette in modo curioso (sorprendente) una vita, in modo più efficace di un sequenza di notizie”.

Di cosa parla “La straniera”? E cosa sappiamo della sua autrice?

Claudia Durastanti Premio Strega 2019 | La straniera

“La storia di una famiglia somiglia più a una cartina topografica che a un romanzo, e una biografia è la somma di tutte le ere geologiche che hai attraversato”. Così inizia la trama di questo romanzo. Come facciamo a ricostruire il nostro vissuto se non organizzando una mappa? Il romanzo della Durastanti è un viaggio in realtà, che ci porta dalla Basilicata a Brooklyn. La protagonista è figlia di due genitori sordi e si sposta in un paesino lucano dalla pullulante New York che era soltanto una bambina.

La sua è stata un’infanzia movimentata, si sposta continuamente tra Italia e Stati Uniti.

La casa editrice, La Nave di Teseo, ha definito questo “non solo memoir, non solo romanzo, in questo libro dalla definizione mobile come un paesaggio e con un linguaggio così ampio da contenere la geografia e il tempo, Claudia Durastanti indaga il sentirsi sempre stranieri e ubiqui”.

Claudia Durastanti Premio Strega 2019 | L’autrice

La Durastanti è nata a Brooklyn nel 1984. Il suo primo romanzo è stato “Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra” nel 2010, romanzo che ha vinto il Premio Mondello Giovani. Nel 2013, la Durastanti ha poi pubblicato “A Chloe, per le ragioni sbagliate” e nel 2016 “Cleopatra va in prigione”. La scrittrice è tra i fondatori del Festival of Italian Literature in London; oggi vive a Londra e collabora con il quotidiano La Repubblica. Nel 2019, partecipa al Premio Strega con “La straniera“.