Me
HomeCultura

Camilleri sepolto al Cimitero acattolico di Roma: cos’è e dove si trova

Conosciuto anche come "cimitero degli inglesi"

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 18 Lug. 2019 alle 10:27 Aggiornato il 18 Lug. 2019 alle 11:13
Immagine di copertina

Andrea Camilleri sarà sepolto al cimitero acattolico di Roma

Andrea Camilleri sarà sepolto al cimitero acattolico di Roma. Che posto è? Dove si trova? E perché Camilleri sarà sepolto lì?

Conosciuto anche come “il cimitero degli artisti e dei poeti”, o come il cimitero degli inglesi”, si trova a Roma nel quartiere di Testaccio (in via Caio Cestio 6), vicino a Porta San Paolo. La prima tomba fu scavata sul terreno che si trova subito dietro la Piramide Cestia.

Con le sue lapidi in stile anglosassone e senza foto, con le sue statue del passato, è uno dei luoghi più suggestivi della città di Roma. Ed è frequentato da molti visitatori ogni anno, proprio come accade al Pére Lachaise di Parigi.

Le tombe più famose

Tra le tombe famose, e più visitate, quelle dei poeti romantici inglesi John Keats e Percy Shelley. A concedere nel 1716 l’area nota come “I prati del popolo romano” fu Papa Clemente XI perché in quegli anni moltissimi scrittori, artisti e poeti del resto d’Europa, inglesi e tedeschi soprattutto, andavano a visitare Roma e spesso vi soggiornavano per lunghi periodi. E a volta capitava che vi trovassero la morte.

Lo Stato Pontificio, allora, non permetteva che stranieri e non cattolici venissero seppelliti su suolo consacrato, Papa Clemente, quindi, concesse questo luogo per le sepolture. In genere, le sepolture avvenivano di notte per evitare manifestazioni di fanatismo religioso e per preservare l’incolumità di coloro che partecipavano ai riti funebri.

Gli italiani sepolti nel cimitero acattolico

Molto più rare le tombe di defunti italiani nel cimitero del Testaccio. Per lo spazio esiguo a disposizione e per mantenere intatto il carattere del luogo, solo eccezionalmente viene concessa la sepoltura a italiani illustri.

L’autorizzazione solitamente arriva se, in vita, sono stati rappresentanti di una cultura alternativa a quella dominante in Italia (“straniera” rispetto a quella dominante), o per la qualità della loro opera, o se, per le circostanze della vita siano stati in qualche modo “stranieri” nel proprio paese.

Tra i personaggi sepolti al cimitero acattolico, il politico Antonio Gramsci (poiché marito di una donna russa) e gli scrittori Carlo Emilio Gadda e Luce d’Eramo.

Attualmente è molto raro che si aggiungano nuove sepolture anche per gli stranieri.

cimitero acattolico roma camilleri

Ok alla sepoltura di Camilleri

Ma l’ok è arrivato adesso per Andrea Camilleri. Poiché, in vita, lo scrittore siciliano ha più volte dimostrato di non credere nella Chiesa cattolica e, in generale, di non appartenere ad alcun credo religioso.

I funerali di Andrea Camilleri, morto ieri, mercoledì 17 luglio, all’Ospedale Santo Spirito, si terranno oggi, giovedì 18 luglio, in forma strettamente privata. Si tratta di una decisione presa dallo scrittore stesso, quando ancora era in vita, e concordata coi suoi familiari. Non è stata nemmeno allestita una camera ardente.

Ma lettori e amici potranno portare l’ultimo saluto a Camilleri, a sepoltura avvenuta, al cimitero del Testaccio, a partire dalle 15.

> Camilleri, i funerali oggi 18 luglio a Roma

Dentro il Rojava, guerra di Siria