Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Verona, rider sfregiato da un 16enne per aver difeso una ragazza: “Lo rifarei”

Immagine di copertina

Verona, rider sfregiato dopo aver difeso una ragazza: “Lo rifarei”

Un rider di Verona è stato sfregiato al volto dopo aver difeso una ragazza, aggredita verbalmente da due coetanei. È avvenuto lo scorso 17 aprile in via Locchi, quartiere borghese della città scaligera, non molto distante dal centro.

A ricostruire la vicenda, attraverso le parole della vittima, è il Corriere del Veneto. Michele Dal Forno, questo il nome del ragazzo 21enne che tra qualche mese si diplomerà in meccatronica, aveva appena consegnato le pizze in un appartamento quando, mentre ritornava al suo scooter, ha notato una ragazza, che conosceva appena di vista, la quale discuteva con due adolescenti.

“Non potevo andarmene – racconta Michele – Mi sono avvicinato, l’ho salutata e le ho chiesto se avesse bisogno di aiuto. Lei mi ha risposto che andava tutto bene ma era evidentemente molto spaventata. Ad ogni modo, uno dei due è venuto verso di me e ha cominciato a girarmi intorno, insultandomi e ripetendo che dovevo tornare a consegnare le pizze e farmi gli affari miei”.

“Gli ho solo chiesto cosa avesse da fissarmi e intanto sentivo la ragazzina piangere e dire che aveva paura e li implorava di lasciarmi stare. Forse aveva già capito come sarebbe andata a finire” spiega il rider.

A quel punto l’altro ragazzo si è avvicinato a lui: “Teneva le mani in tasca. Ha detto al suo amico: ‘Tranquillo, ci penso io’. Quando è arrivato a un metro di distanza, ha tirato fuori il coltello e con un colpo mi ha tagliato la faccia. È stato tutto velocissimo, non ho avuto neppure il tempo di rendermi conto che fosse armato”.

Dopo l’aggressione i due sono scappati, lasciando Michele con il volto sanguinante e la ragazza in lacrime. “Gli ho chiesto chi fossero quei due, mi ha risposto che temeva l’avrebbero uccisa se me l’avesse rivelato. Poi ho saputo che da tempo i suoi genitori stavano cercando il modo di tenere lontano la figlia da quei coetanei. E ora in quartiere gira la voce che la sera stessa uno dei due si sarebbe vantato con gli amici di aver accoltellato un italiano”.

Michele è stato trasportato d’urgenza in ospedale, mentre l’aggressore, un 16enne di origini albanesi, è stato rintracciato e arrestato dalla polizia con l’accusa di lesioni gravissime aggravate dai futili motivi.

“Credo siano stati necessari una sessantina di punti di sutura – spiega il rider a proposito della sua ferita – Mi ha tagliato di netto anche un pezzo del naso e i medici dicono che la cicatrice rimarrà ma che la chirurgia, oggigiorno, può fare grandi cose. Lo spero tanto”.

Nonostante l’aggressione, però, il rider non ha dubbi: “Non mi sento un supereroe però so che lo rifarei. Se una persona più debole è in difficoltà, è giusto intervenire”.

Leggi anche: Potenza, disoccupato trova 4mila euro a terra e li consegna ai carabinieri: proprietario rintracciato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Cronaca / Costringono la sorella 15enne a prostituirsi per sfamare la famiglia in Romania: condannate
Cronaca / Allegri, l’ex compagna Claudia assolta: “Non spese per sé i soldi destinati al figlio”