Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Crac Credito Fiorentino, Verdini condannato in via definitiva: si è costituito a Rebibbia

Immagine di copertina
Denis Verdini. Credit: Ansa

La Cassazione ha confermato la condanna del politico fiorentino per il crac Ccf

L’ex senatore Denis Verdini si è costituito a Rebibbia dopo la condanna in via definitiva di oggi a 6 anni e mezzo di carcere per il crac del Credito cooperativo fiorentino (Ccf). La sentenza è arrivata dalla quinta sezione penale della Cassazione. A causa della condanna, l’ex senatore di Forza Italia e poi di Ala deve andare in carcere.

“Purtroppo mi pare non ci siano esiti diversi, per fortuna Verdini è un uomo forte e coraggioso, penso saprà affrontare questa prova”, ha dichiarato a proposito del carcere il suo legale Franco Coppi, aggiungendo che i difensori sono “profondamente delusi” dalla sentenza.

In primo grado Verdini era stato condannato a 9 anni, una pena ridotta nel luglio 2018 a 6 anni e 10 mesi dalla Corte d’appello di Firenze. Oggi gli ermellini hanno rigettato il ricorso del politico contro la sentenza di appello per quanto riguarda il reato di bancarotta. La Suprema Corte ha eliminato soltanto 4 mesi di pena, dichiarando prescritti i reati di truffa allo Stato sui contributi all’editoria.

I giudici non hanno quindi condiviso le richieste avanzate ieri dalla procura generale della Corte, secondo la quale per alcune ipotesi di bancarotta andava fatto un nuovo approfondimento con un processo d’appello bis.

Verdini condannato: il crac Ccf

Denis Verdini è stato condannato per il crac del Credito cooperativo fiorentino. L’ex senatore fiorentino avrebbe provocato il dissesto dell’istituto di credito attraverso numerose operazioni “anomale”, realizzate con una gestione “ambiziosa quanto imprudente” e con ampi finanziamenti al settore edile, soprattutto nei confronti di società del gruppo Btp.

Anche gli imprenditori del gruppo Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei sono stati condannati in appello. L’indagine era partita da una relazione dei commissari di Bankitalia che avevano denunciato gravi criticità.

Leggi anche: Furto in casa di Denis Verdini: i ladri trovano una foto di Salvini e le danno fuoco

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Cronaca / Neonato trovato morto a Villa San Giovanni, non si esclude la pista della prostituzione minorile
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Cronaca / Trovata la madre del neonato morto abbandonato tra gli scogli a Reggio Calabria: ha 13 anni
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Torino un esponente dell’Isis
Cronaca / Impagnatiello: “Andai a pranzo da mia mamma con il cadavere di Giulia nell’auto”