Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ventimiglia, consigliere di Fdi accusato di aver fatto il saluto romano. Lui nega: “Chiedevo la parola”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

A Ventimiglia, un consigliere di maggioranza di Fratelli d’Italia, Ino Isnardi, è accusato di aver fatto il saluto romano in consiglio comunale. A denunciare l’episodio è Giuseppe Palmero, collega di maggioranza eletto con la lista Scullino sindaco. “Nessun saluto romano. Visto che il presidente del Consiglio comunale non mi dava la parola, ho alzato la mano per chiederla” si giustifica così Isnardi.

La vicenda ha inizio quando Palmero, difendendo il sindaco sull’attività svolto per combattere il Covid – 19, pronuncia una parola scurrile. A quel punto viene interrotto dal presidente del Consiglio comunale, Andrea Spinosi, e si scusa: “Non posso essere continuamente interrotto quando in aula ci si saluta con saluti romani” riferendosi a Isnardi con il braccio destro alzato e teso in quel momento. Arriva, quindi, la giustificazione del consigliere: stava chiedendo la parola, spiega. Altre volte, però, l’uomo avrebbe alzato il braccio ricordando il saluto fascista.

Dall’amministrazione di Ventimiglia – che è di centrodestra – fanno sapere: “Condanniamo il saluto romano, solo un’idiota può farlo”. Ora sarà il presidente del Consiglio comunale a riguardare le immagini e a valutare la situazione. Se si tratta del saluto fascista allora il caso dovrà essere segnalato alla prefettura e alla procura: fare quel gesto, infatti, è un reato.

Il Partito Democratico provinciale di Imperia chiede che il prefetto intervenga e che il sindaco e la sua maggioranza condannino “questo rigurgito fascista senza minimizzare il fatto” che è “grave e indegno, per giunta in un’aula dove la libertà e la democrazia devono essere i principi fondamentali!” si legge sulla pagina Facebook del Pd.

La vicenda ricorda un episodio risalente al 27 gennaio 2021 quando a Cogoleto, a una trentina di chilometri da Genova, tre consiglieri comunali del centrodestra in minoranza alzarono il braccio, tenendolo teso, per votare. La seduta si aprì, inoltre, con un ricordo delle vittime della Shoah.

Ora i tre esponenti del centrodestra, Francesco Biamonti (Lega), Valeria Amadei (Fratelli d’Italia) e Mauro Siri (indipendente), accusati di aver fatto il saluto fascista, sono indagati per la violazione della legge Mancino.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”
Cronaca / Torino, bambino di 10 anni muore per Covid: “Non si era potuto vaccinare per un problema di salute”
Cronaca / Arezzo, operaio 51enne muore incastrato in un macchinario
Cronaca / Covid, Capobianchi: “L’infezione si spegnerà ma una nuova variante potrebbe sparigliare le carte”
Cronaca / "Ebreo di me**a, devi morire": bambino insultato e preso a calci da due 15enni
Cronaca / Lufthansa e Msc sono interessate a Ita Airways: “Ma il governo resti nella società”
Cronaca / Boom di dimissioni volontarie nelle aziende: “I giovani si interrogano sul senso del lavoro e della vita”