Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

Veneto, file di auto verso gli impianti sciistici. Piste prese d’assalto anche in Lombardia: “Qui è un delirio” | FOTO

Di Redazione TPI
Pubblicato il 13 Dic. 2020 alle 18:10 Aggiornato il 13 Dic. 2020 alle 21:07
18k
Immagine di copertina

Impianti di sci presi d’assalto dal Veneto alla Lombardia

Un filmato pubblicato oggi nel gruppo Facebook “Magica Lessinia”, che riunisce gli appassionati di sci delle Prealpi Veronesi, mostra le lunghe file di auto sulla strada che conduce verso gli impianti di Malga San Giorgio, nota località sciistica in Veneto. È solo uno degli esempi di caos e assembramenti in prossimità delle mete sciistiche che si sono verificati oggi domenica 13 dicembre nella Regione che conta il maggior numero di contagi e decessi per Coronavirus in Italia, dove nonostante la chiusura degli impianti ai non professionisti imposta fino al 7 gennaio, gli amanti dello sci non si sono scoraggiati. “Alle 10:30 a Campofontana no si poteva parcheggiare, ho girato l’auto e sono tornato a casa, tra la nebbia in pianura”, scrive qualcuno a commento del video riferendosi a un’altra località dei Monti Lessini, Campofontana. “Qui adesso è un delirio…e idem tutta la strada che sale a San Giorgio! Non oso pensare a stasera”, scrive invece l’autore del video (Qui il filmato)

“Non solo a bocca di selva…ovunque…”, osserva ancora un altro membro del gruppo. Stando alle informazioni raccolte in rete, i più motivati avrebbero trovato metodi alternativi di salire in quota anche senza skilift o seggiovie, servendosi di motoslitte che fanno da taxi. Accade anche sulle Dolomiti, in Alta Badia, stando sempre a quanto riportano alcuni utenti sui social. Immagini di assembramenti ad alta quota anche nella zona di Lecco, in Lombardia, dove alcune foto mostrano una pista da sci per bambini gremita di gente, con gruppi di persone che non rispettano la distanza di sicurezza. Tutto fa pensare che nel secondo weekend di dicembre, a meno di dieci giorni dall’inizio delle festività natalizie, le montagne siano state prese d’assalto in barba ai divieti mentre sono ancora migliaia i contagi e centinaia i decessi nel Paese (17.938 i nuovi casi e 484 i morti oggi secondo l’ultimo bollettino diffuso dalla Protezione Civile). Con Veneto e Lombardia che contano il maggior numero di casi.

Pista da sci a Lecco

Leggi anche: 1. Ho osato dire che le piste da sci vanno chiuse e mi è arrivata una valanga di insulti (anche da due campionesse azzurre) 2. Nuovo Dpcm: “Divieto di spostamenti dal 21 dicembre al 6 gennaio. Solo conviventi a cena con i nonni. A Capodanno coprifuoco dalle 22 alle 7. Riaprono gli impianti da sci il 7 gennaio”

18k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.